Recherche utilisant ce type de requête :



Recherche seulement sur ces types d'enregistrements :

Contenu
Collection
exposition
Page de l'exposition
Simple Page

Recherche avancée (contenus seulement)

Canti popolari corsi

Titre

Canti popolari corsi

Alternative Title

Canti populari corsi, Chants populaires corses

Sujet

chant; polyphonie; musique; lamentation; pleureuses; complainte; mort; chant funèbre; chant funéraire; poésie; tradition orale; folklore; mélodie; sestine d’ottunari; nostalgie; veillée; vengeance; vendetta; meurtre; assassinat; amour; berceuse; nanna; enfance; enfant; improvisation; sérénade; sonnets; ritournelle; poème; poète; vers; humour; irone; moquerie; satire sociale; monodie; voceratrice; voceri

Description

Recueil de chants populaires corses par l'auteur des Novelle storiche. Ghjuvan' Vitu Grimaldi (médecin de formation, enseignant la grammaire et aussi la philosophie, a été conseiller général de la Corse en 1850) retranscrit majoritairement une série de chants de lamentation, voceri, lamenti ou serenate, issus des régions montagneuse de l'île (Taravo, Niolu, Balagne, Castagniccia...).

page de titre manquante; annotations manuscrites en troisième de couverture, 141 pages; 18 cm

Table Of Contents

Serenata, per un pastore di Zicavo
Serenata, di un giovine della pieve di serra
Nanna, nel dialetto del di là da li monti
Nanna, dialetto della provincia di coscione
Ottave giocose, prete Guglielmo Guglielmi
Note, a l’ottave del prete Guglielmi
Vocero, d’una talavese
Vocero, di Nunziola
In morte di giovanni F., del Vescovato
Vocero, di una giovine vedova
Vocero, d’une Zuccarelli
In morte di Romana, figlia di Dariooli Danesi di Zuani
In morte d’una giovinetta della Pietra di Verde
In morte di Chilina, di Carchetto D’Orezza
La morte di un bandito
Vocero, d’una giovinetta del comune di Tasso
In morte di Gio Andrea Acquaviva
Vocero di Maria Felice di Calacuccia
In morte di Gianmatteo e di Pasquale, cugini
In morte di Matteo
Vocero d’una giovine per due suoi fratelli
In morte di Canino, bandito
In morte di Francesca, del comune di Penta di Casinca
per Marcello Gransilj di Lozzi
In morte di Matteo, medico
Vocero in morte del pievano Santucci
In morte di Cesario e di Capatto
Per Larrione Abbate, morto in Balagna
Vocero d’un giovinetta

Créateur

Grimaldi, Giovan Vito

Éditeur

Salvatore Viale

Date

1843

Contributeur

M3C

Droits

Domaine public

Format

application/pdf

Extent

pdf 11900 ko

Langue

italien, corse

Type

text

Identifiant

identifiant pérenne sudoc :http://www.sudoc.fr/085207357 ; worldcat : 491478237

Couverture

Corse, Italie, Méditerranée

Spatial Coverage

Bibliothèque de l'Université de Corse, fonds ancien

Temporal Coverage

19° siècle

Texte

1.

a perchi non

'.~.

AVVERIl1llENTO.
;Ir ... smol'fioset
~~~;P:;;:jtp;:'-~... '1>~; \nbillel..a.....
',;
~ .....~ non $Ol.I
':lI''ti-l~.Ji i:.anlar.

(;li...l

5.~!O$"

..... ~rk >- ~:;~lO •
un ediHo.

.'I1;iJ~..:
~~C'""

,o'!I~"'~ï'"

."

, 0 storto. " driUe

/

Fi.noo ec 10'TrO 1',.(4,
0 PO\"~Jit
"1....-

tmtn>

par"di
ln h'mo
Sentir carler gelalo, .
Di morte "if so<l.or.
}li

m:. ,;;:,.riHa ;EI13,1'.

Che "û
A- me

5tOr!') • 0

driuC'

im?Oi-la nieole •
8eceamortu 0 C3'\"3den1e
Si 1 si" • 10 spose~

r

De

o pbVI:1"3

....-::

poeta

i'c'\'t::l,.;.;
.~.
.....!\t f . . U aHo;3
1»- :..
~ qllell' Ota
"':... • ii."<':m di ",i.

1. •.-:..

111>e

~. ~ ~
iJri':.

i b. faTOt~

Jtê".. œner.

Jl)t.'

':

cll-e vedete

", .." .~ avcr mari;.o, ,.

~~

4

SC"

l'fl.'-"

moodo·

-e sol ~

.1 i.:-e 1
1

,;a

~

.nin

.::. pUt'\
E il

peT

t

W
a.tJ:"

seI,lf; CCL'''''

~

congiunte

0

~uori

e naturali modi e sentimetèti {orse più

che â~arappresenP:&zioneài certi melailrammi. Cosi
J'Alfieri imitavG l'espressione deI dalOT mateT1W non
gi4 dalla lettuTa d'entiche 0 môdeine tragedit, me:

"-'iS/i<,

't: ,cando S;l • -mio </
-1': ". a qnesto pçuo.
!,-.
ri> o~lo SlT.t'>.t.O
'iiI mi fu~gjri -

t

perSOM

_ care. Da quesfi canti {unebri, ch'e.sprÎtr...otlo in ceTto
mcdo l'ebbr""~a e il delirio dei dolore, PUY Ir_e if

Iono ·c~ü ...'f'~.

~.

neniejmprovvisate, secondcrurnrrctiro cosrume, dalle

donne inntinzi al caàavere di

.7

b so13 rimembr~
Nor; v'ê cile fa $~ •
·''"lIIpoS$a'coDSZ>1'ar. .S1:lml) do:>ne e t....::It3 ~
Saprè lt:tl.Jere la t'ete._

,,-

gllZ come modeUo. di poesia nazionale 7 ma
ccmte studÛJ à atretti e di costumi Mi pubblichiamo
queste Canzoni popolari côrse : la pitt parte son chiamate, nel dialetto Voceri" 0 Cômpiti, 0 Ballate; e sono

. N(jn

10 10 pteodo COUle vien
GlOviDouo 0 anero~tello •
Sia brulLO . 5ïa ~Uo" ..

Purt:!lë

r

ê

dalla memoria dei ldmenti clie Gt:tv'a uditi dalla
madre in un lutw domestico. Vero è che i concett 1
espressi dalle donne in alcuni di questi canti sono,
talvolta Tisenti(i e. (eroci : si vedrà in qualche passa
che la donna da Dio destinata. a res(;ringere nella
.civile società il 'Vincolo dell'Q.11'..ore, opera qualche~rilta contra questo sanlo fine. e sparg' il seme della

/i...~

.t-

(~...

( 6 )

vendetta, e r~vviva ['odio e ID (a ereditario. Bari sono
''-pero questi canti~' r..è s'odono mai {uorchè in hocco. a
femîne di bassa ccndi::ione, e Mi col pubblùare in
questa raccolta alcuni di cotest'i tragici, 0 elegiaci
pettegole;;;;i abbiamo volUlo soltanto sempre più dimostrare che fodioe la vendetta sono in.di.:io d'animo deMe eà abjetto.
Dalla lellure diqueste can.:onisi vedrà che i Corsi
non hanno, né cerio fitwra aver possono, altra poesia
o leUeratura, (uoTchè l'italiana.

n fonte e la mate·

ria deUa poes-ta in un popolo sta nella sua storio.,
neUe sue "tradi.:ioni, nei suoi costumi, nel SUD mOdo
d'essere e di se-ntire, cose tutle neUe quali ruomo
CQrSO essen::.ialmente difftrisce da quella deI ~ont·i­
nente francese e soprattutto dal prototipo dell'umno
francese c/le li que/li. ~arigi. Non parlera della /ingua la quale è più $O$tan.:iaimente informata da
ques(i stessiprincipj ; e la Ungua corsa è pure italiana; ed an.:i è stata finorà uno dei meno impuri dia......letti d'Jtalia. M'è nota l'imperizia

0

la dissuetudine

di alcuni abitant, di quest"Isola neZ leggere /,t: cose
scritte ne/la lingua materna; ma r·iguardo aliimperizia di certuni anche ml parlare e scrifier(rancese7
mm voglio addurne aUra prova che la lOTO frtcilità
stessa ad usardipreferen::a la nUOva lingua~ e laloro
iiifficoltà a persuadersi che seriverla eparlarla bene
non sànno nè possono.
fioi sia1TW debitori di alcuni cardi~ e di alcune di-'
lucida;;ioni ai canli medesimi, alla cortesïa di ALES5AXDRO AR:lIAXD di Ajaccio, già Sotto-Prefetto di

.

-

(7)
.

!.;,;.

C>~,.

.

~

::>

~ .
.J~
~/~ ').~~

.

Cal", e d. Corte, studwso e bençmento
. tore
delle cose patrie.
]Jai canti c6rsi ~ non sempre bene 'scelti ma q·uasi
sempre maestre-volmente illustrati da NICCOLO TOMM.A.SÉO , abbiamo tralto pure alcune canzoni, restit~ 0 correggendwi qua e là qualche passo a
Mrma deUa'tradizione del dialetto 0 d~ ritmo.

PER' UN PASTORE DI ZICAVO,

Andare minni (1) vuo da Snccill~nza (~)
E d'una laltra (3) ti vodrn ( 4 ) accusari ,
Lu primu jnrnu ch'idrn (5) teni udienza,

Unu mimuriali ci vuo dari.
Si la justizia nun mi fa c1emenza ,
A dru (6) miriistrn mi vodru appillari;
Parch! tu voli vivi di putenza (7),

Essere amatta e non bulir amari.
lia st'hai pinzeri ( 8 ) di bulimmi amani ,
Quistu è lu modn chi t'hai da tineri,
Bistemmia, quannu (9) mi senti parlani ,
..E fatti eruci, quannu tu mi \'edi :
Cusi )a jenti non pinierà mali,
Vidennu (10) , che mi rai tal dispiachieri,
E pO la sera mànnami a chiamani
-Par qualchi to fidattiI missachieri ( Il),

".

1 me ne.

_ 2 sna Eeeellenza.
3 ladra.
~

l'oglio..

.) egli.
6 10.
7 prepolenz.a.
8 pensiere..
/

/

9 qo.ando.
10 nden)ic.
H messaggi~,o.

( 10 )

( 11 )

Gioja de' cori e' sempre t'ho chiamattn,
li per amari a lia ( 1), sojn (~) snrdu, e muttu ;
Pattu (3) più chi nno paui unn dannatn,
Sto in didr" (4) ::'lferno, e Li dumaonu ajuttu.
Oh ingratta donna, e parchl m'hai hurlattu,
E quistn pettn parchi rhai [aruttu? ( 5 )

Ê medru (6) esseri amanti, e nun amattn
Ch'esseri amanti'amatm, e po' tradnttn (7),

,

.

Parchi t'ho sempri in ti la fantasia.
E parchi e' soju a tia troppn riali ( 14 ),
In ogoi 1000 sempri ti burria.
Qn~nn'

e' li veccn ( 15) in qnalchi locon stari ,

Ch'attru nun bramu sol ch'a lia vidiri,

La to mammaccia mi faci adirari;
Peghiu (16) chi morro mi mriayidiri.

3 patiseo.
4 nt;!l".
5 rènlo.

6 megHo.

7 tradito.
8 scgno.
9 'fado.
10 parola.

Soju statu a con6ssami,

0

Dina mia :

Sa' chi m'ha dittu III me cunfessoru ?
Dicoi ch'affallu e' mi scordi di tia ,
Chi se ci penzn mi conzummu e mom.
S' e' la racissi gran pena aviria"

Dun pinzari a'a' , riccu tisoru. !
Ma quistu è vern, e Don dieu bngia :
_Se f amn e' peœu, e se nun t'amu e' moru.
.Disidara u malattu risanari ,
L'imprighiunattu-di prighioni usciri";
.; Disidara u "on (3) tempn u marinari;
Par ( 4) puteri u "iaghiu suu siguiri ,
ari, oru, ed arghientu aceumulari ,
Per puteri l'intentn conseguiri.
Eo bramu solu d.i potè bachiari
La tu boceucehia (5) e po' doppu muriri.
L'aced.ru (6) inuamuralln spessu gira,
Volandu per li boschi e la campagna;

Ti pr~"'U , anima mia, nun ti partiri;
Lasciami in cu qu f occhi saziari ,

i te.
2 sono.

E chi nun ti fichioli (~), e nun li miri.

Â.

Gioja, tu m' ha' riduttu a siDghin (8) tali,
Vojn (9) a la messa, e nnn so duvi sia.
Nun ascoltu paradra (10) di u missali,
E nnn sojn ( 11) più di ( 1~) dr' ave Maria;
Qnann' e' ladicn, nudra(13) nnn ~ vali,


Edra dici che sempre m'adrunlani ( 1 ),

13 nuUa.
14 fedeJe.

E chivi canta, e quinci iBtornu mira,
Per ritruà l'amatta su' cumpagna.
Quannn po nun dra tro\'a idru s'adira ,
E enD dulenti cantn jdrn si lagna;
Ed e' ~nnu ti cercn, e nun ti tronI,



15 vegso.

f6 peggio.

:Ii 50.

12 dire.

t alloDuDk
2 ugheggi.

3 bOOD.
4 pei.

5: booencei,.
6 ueeell0.



""'-.

( 12 )

E mille pen., e mille affanni e' provu,
E' f amn tantn, e mi ne dojn (1) ln vantu
Chi nissunu nun t'ama quanta e mia.
Ti porto scritta in quistu pettn tantu ,
C~ mai nnn m'esci de la fantasia;
S' tu vaoi sapiri qnantu sia stn tantn,
È qnantu il pettn', e il cor dedr'alma mia,
S'intrassi in Paradisu santu. santa,
E nnn trnvacci (2) a lia, mi n'esciria.

DI UN GIOVL'\E DELLA PIEVE DI SERRA

Che poi diyenne bandito. tratta da an racconto
storieo di Gio. Vito Grima14i. intitolato
IL CURATO DI GUAG:'iO.

<,

1. do.

!

2 tronrci.

... ==

Beatrice, fa rillessn. '
A sti me' Tersi pietosi .:
Aron a te più ch'a me stessu,
Etu mai ti neriposi (1),
Tu qnestu mio cor possiedi ;
Per te moru e tu nun credi .
Tu sa' ch'nn lustrn è finitn
Ch'eo di te son prigiuneru;
M' ha' incantatu, m'bai scimmitn (2),
E nun sn cambià pensern.
Ma pero sentu discore
Chi cun altri rai l'ammore.

f Ta. mai riposi la mente nell'aroOl""mio.
t M'bai fatto seemo, scimnnito.

l

( 14 )

( 15

Quest'eo erede nun la passa:
Amar altri Dun clJDviene :
Uria tigre avrei eummo~-n
.A. pietà. carn miô ~ne;
Nun la puoi far in cusr,ianza ,
AJtri amane, e a me speranza.
Quante angoste ho suppurtate
Quanti afranni e crepacori t
Quante pessime nuttate
Tantu in casa come fori!
E se un altru n'ha pussessu,
Moru e Dun mi ne cunfebtl.
Se hramate di slà in P'!ee,
Cun ho' parln, 0 carl amant!-,
Nuo circate il cao chi ghiace :
Chi ne vaole si ne stanti ( 1) :
Chi pretende alla battaglia
Porti arrazzata la scaglia (2 J.
l'un è ghiocu da zitelli;
Parlu chiaru, ognun m'intenda :
Alla larga, 0 runzinelli ( 3) ,

Chi va male la Iaeeenda (1 l.
Chi ti sposa, 0 deo gradita ,
t>iù nun conti sa la nta.
Tu sa' eh'en ti adoru in tara (~),
E Dun tengu allru disiu ,
Ma se tu mi lasci , 0 cara
QualebiduDu paga il nu;
E ti yogliu, 0 cafa diva,
Morta, se Dua..possU Y:'fa.
Una cosa mi cunsola,
.
E mi ne spacehiu 001 cantn (3) :
Le nnzze saran la 0010 ( 4 l ,
L'allegrezza sam il piantu,
Laseero III potriu solu,

Ma ne vogliu a lu curgbioln (5).
Diran tuttla mi6 faYOTe

Tu sarai l'ineausata (6) ,

i Il poeta. si era ostinato a volere sposar Beatrice a quatonque costo, anche per diritto di cuginaoza. c~oê per non
cJividere il comone patrimonio deI padre suo e deI padre della
giovine ch'erano rratelli.
2 Terra.

1 Se ne proC3cei collo :itento. ossia colla fatiea; metafora

j!resa dai Iayoranti.
2: La pietra rôeaja deU'archibugio sebeggiata in modo ehe
a dar fuow.

~ pronta

'J Com' il dire piccoli r6mÎn,i, puledri; e parla dei giolil'leUi SQoi rivali.

3 !le nermaecio. me ne vanloo
.4 0014 (Jorn'a dire cera oola13) è voeaooto proprio per St-:
gnifieare quella quantitâ dicandeleclie serve per un fanera1e.
5 Al eorreggiolo 0 eorreggino the senoe di clntol~ al goerrie-

ro e al band..ito côrso : vale, voglio moiti ueeisi ~Ua eoseien:13
(- al1·aDiro~.
G A..ccagionata, ineolpata.

( 16 j

f

Beat;rice traditora
Tu sarai sempre chiaroata,
Tu sarai la disleaJe,
La causa di tantu male.
Ti diran cose inumane
Per ogni Jaco e confinn :
Turna (1) bogliu uu-fieru éane
Peghiu assai d'un Galeazzinu (2);
BogIiu e lingue d' i menani
Falle a pezzi e dalle ai cani.
Vada in fume casa e tettu ,
Ogni parente in ruina:
S' all'azzardu mi ci mettu:,
Nessun Iibaru cammina;
E se il partita mïnvasa,
1\00 surtifuori di casa.
Senti chi la jente dice
Da per tnttu lu paese ;
L'amanle di Bealrice
Farà cose nun più intese;
Farà ghiornu sera e mane
Risunà slrite( 3) e campane.

17 )

Bo non credo ch'altri aspiri
•À lu 10 voltu jucondu;
E chi a me nuo sta a senlire,
Fors' è sazin di sto mondu ;
A,' me" delti ognun s' accordi :
Le grKie s6 pe,li sordi. _
Dunque lu , cara dilella ,
Statti ~negra. opra judizlu;
Da te mai

nUll

si pennetta

Ch'eo ne vada al precipiziu;
Âmi a quclli dirgli puoi :
Stiano a r. Ii falti soi.
Qui finiscu ; il ciet ci assisti ,
E ci metti la 50 manu ,
Chi nun hO bOOe le viste (1 ) ,
Da sta torre stia IUDtanll: =Si uo, biner'; alle provo (2) :
U zoppu (3) purterà le nove.



! Chi Don yUoI vedere la scena 0 la uagedia.
2 Vern).
3 Pconrbio dei montanari eôrsÎ; perché gU zoppi per essere oriosi e enriosi sogliono portar le Il.tlO'e c più spesso le

cattiTennove.
1 Torna.re qui fale divenire.
2 Antieo bandito, assia condannato contumace,

.,

e. celebre

malrattore.
3 Strida.

Si diœ ch·a qaesta sereoata fosse risposto dalla casa della
giome roUo.. smorzare i Jomi, eol chindere le fiDtSlre- e eo~
quel grido gnl.t.nrale e derjsorio deu.o 1:> scuccolo. Pe. questi
dispe.tti il poela rece poco dopo un pobblieo iaswt() ana gloTine, seapigliandola in piazza e 13gli<tndole i capeUr; 3.Ddô

qoindi alla maeehia e dÎ\°enne bandit() faèin~roso e t.er-r.ibi!.e.

1

"


( 19 )

:s'EL DIALETTO DEt DI LA' DA) MO~T:I ,

Tratta dai canti popolari Corsi
ilIastrati da ~. TOlQLlSÉo.

Ninninà, la mia diletta;
~innioà, la mia speranza.
Siete yoi la mia barcbetta
Cbe cammina con baldaoza;
Quilla chi non teme venti,
N'tempesti dl ln mari.
Addorméntati per pena (1) ;
Fate 'foi la ninnani.
Carieacd' oru e di perli,
Carica di merci e panni;
Li yeli so di .!lroooatu
Venuli da m"'i indani (2)
Li tImon. cf oru fini
Con li lami (3) più mi.
Addorméntali cc.
Quando poi na.scisti mi
Vi portonu a baUixani :
La Gumari ru la luua ,

1 Per poco. Pell(lTl. pei indngiare diçono i Toscani.
2: .Da1nogbi di oU.remue: 1n4à ei1J4ani, in là.
3 Layori.

,

E lu soli lu compari :
" 1 stelli, ch'erano in cielu.
D' oru aviani li cullani.
Addorméntati cc.
L'aria riturno serena
.Tulta piena di splindori :
Ancbi li setti pianeti
V'banu infusu li 50 dom.
Ottu di receru resta
Tutti quanti li pastori.
Addorméntati ec.
Nun s'intesi altru ehe soni ;
Nun si vidi altru cbe daozi
Per la yalli di Cu5cioni (1 )
E in tutti li vicinanz,i.
..
lloccanera con Falconi (2)
Feci resta a li 50 usanzi (3).
Addorméntati cc.
'luando sareli majori ( 4).
Passereli pc li piani;
L'erbi turuerannu fiori;
D'oliu saran li runtani;
Tnrnerà balsamu fini
Tutta l'aequa di lu mari.
Addormeutati cc.
1 Jfim, di monte.
2 1'\omi di cani.
.4 cncire.ta al suo modo, c:ioêc:ome S3pe~.
7 finiSSimo<·età.
.

( 20 )

E tutti questi mnntagni
Catcheran di picunni (1 );
E sarannu tnndi e mansi (2)
Tutti i ce....i , e li mufrini ( 3) ,
E li ,olpi cun r astori
Fnggiran da sti cunfini.
Addurméntati ec.
Siete ,oi r erha cannella (4);
Siet.,-oi r erha harom ( 5) ;
Quilla chi na.-.:i in BaYella (6),
Quilla chi DasCÎ in C.uscioni :
Siete voi l"erba mufrella (7)
Quilla chi pasoi i muntoni.
Addorméntati cc.

DIALETIO DELLA PRmTICLI. DI GOSCIO~"E.

.
-

i Si earitberacno di pecore.
2 Domestiei. 3 Mnifoli.
.4 Diee il Sig_ Cbinaad. sana rOOe dei Sig. Aubry. autore
d"an' ioedila Flora dell"i la: la sarit:tl~ ch la Grèa..

5 Tn.ymw. erba baiGna.

6 .Ynnle. come Cos

,

.N elli monti di ClliCioni
V'cra nata UDa zitedra.
E la si> cara mammnni (1)
Li {acea r annannaredra,
E guaD(!'ella rannanna"a
Stu talentu (2) li prega"a.
Addnrméntati parpena (3)
AJegrezza di mammont,
Ch'aghiu da aJlesti la œna,
E da cosœ (~) li piloni
Pe u to tintu (â) habbaredru,
E pe li to fratedroni.

Quando vo' saretti grandi
Vj faremn lu ,estitu,
La camicia, ln bunnedru ( 6)

ï: HyacmbJ.s Pu.:;-;olfi : le due: ultime proprie de
c.he indarno ne cereheresli alltOTe. nolWa.

E l'imbnstu ben guernilu
Di dm ponnu ,«nazzatu (7),
Chi si tesse scartiœiatu. (8)
pU.

t Mammol'le. Donna.
.6 tneire.
7 finissimo.

2 rortl:oa.
3 appe:08. tlIl poce.
S po\"ero.
fi goncella.
8 ben canhto.
-

( 23 )

( 22 )

Quand'amvale a lu stazzu
Duve avele poi da stani
Surterà la suœroni,
E bi tutthera Ii Mani ;
E bi sam presenlatu
Un tinedru di caghiatu (1 ).

Vi daremu lu maritu
.!lIeTatu a li stazzaIi (1) ,
Un bellissimu partitt:t;
E sara lu capn.!:a!i_

Di Ii Dostri montagnoIi,
Perorai, e caprdchioli.
Qnandn anderetti spnsata

Purteretli li fnnen (2)
~'anderetti incavaIciata
Cun tutti li mudratthen (3),
Passeretti iosannicciata ( 4)
A caramusa imhuffata ( 5).



t Cn va..eello 0 barauolo ~ tauo a forma dl seechio, pieno di
giDDtata, ossia di latte quagliato.

Lu sposu n'aoorà davanti
Cu li s6 belli cusciali (6);
Ti sarannu tutti quanti
Li 56 cugini earnali. L ••
Alla Zooza di Tm",.! 1)
Vi faranu la spallera ( 8 ).



1. procoi.

~ n CreDO (torse dal greeo r~. dote) è UIl3. canoechia la
quaJe-, j..uasi a simbolo di fecocdità. è cil'condata in cima di
moIti fasi. infioceata di naslti, ed ha appeso aD rauo1euo •
gnL<::a di bandiera. li fre.!lîen: o<:--Sia..i! portatore dei Creno pretedeil corteo Duzia!e'>
_
-s. Mud-rocehtri 0 JIugliauhtri. OTrero MogZiacehm si
ebiamaoo.-gli uomioi a cavallo ehe..compollgono il corteo della
sposa, e l"aceompagnano nel yjl~ggi\) dello sposo.
.. imbroo,.Çiata. in suss.iego.
5 3,:inoDod'nna eo~a:mD.S.
gœfiata. .- 6 Coseiati.
7 ?\ome d'UD Yillaggio net distret·
to d~ Sartene.
8 La tranta, ossia il serragtio.

,

( 25 )
Si> più quelle cbi desti an mandarinn (1)

OTTAVE GIOCOSE
DI

ïPm~11r3 .@iY~~2~~ill® elYœt~~mn!lm2

III,

DELLE PIAlZOLED·OREZZA.

Rimostranze al fWbile Filippo Adorno, GOVeTMtore
Ge'Mvese, a nome degli abitanti di Çastagniccià 1
peT la carestiade11702.
l,

D,CE n prnverbin : quand'è colmn n zenn (1 )

':

Scumpertisci cun ;cgula a ferina,
Nun andattine in leUu a corpu pienu,
AJJoca qualchi cosa a la matina,
Gusi diœ ancn fppocrale e Galenn,
Cbi 50 li vabi (2) di la medicina :
U cibn muderato e la éi<ta
,Conserva, e hoste romini di sela,

.

u,

o

aimmi il vern, 0 populu miscbinu
Quantu darêsti d'arè conservaln
E castagne, cbi desli an valleriun (3)
Gbjttale an ventu nelranDn passatn?
J

1

Zaino.

2 babbi, i pad..··i.

Cbe quelle ebïn quest'annu bai ricueratu (2),
E li caSali (3) più Dnmati e fini'
Di verdi un De feranu ottu mezzini ( 4).

3 Maestro di baUo...

D'altru-Ïn piazza nun sentli ragiunane
Cbe di diœtta { 5 ) e crnda malannata,
Chi dice : curnu faremn a campane?
E chi rÎsponde : ell' è male irnpicciata :
Nun truveremu a bende, nè a împignane;
Chi la eundauna uoppu a tondu (6) è stala;
S'bannu qnattru castagne li merchenti,
Caccianu roccbi a1l'amici e ai parenti.
IV,

Un saccn di castagne lizinose (7 ),
Cun queste..arpie, chi cercanu i guadagni,
Ti cnsteranu le ,-igne e1e chiose (8 )
E lenze, i eurtalini , e Ji câstagni.
_Deœ Ira capre e pecore rngnose
Ti visogna a piglià , si tü ti lagni.
Quest'anime di Juda, avare e- strette ,
Timpareranu a fà-eroci e eruœtte.
v,
,Acbiu inlesu (9) cun:tà dai paisani _
Lmaja!e.-2 deuperato.,..raccoJtO. 3-famiglie-, patrimoni"o
4 mezziDO. mezzo stajo. .; disdetta, earestia. 6 in giro. per
ttttti.. 7 bttcciose. aa Uzina. buccia. 8 i chiosi. ossia i
campi chiosi.
9 ho înteso.

2


( 27 )

( 26 )

• YIII.

Un ridicnln casn pan paese
Di due chi s'iacnnIToan pa' li pianî,
Eranu tremindw"mal jrr amese ;
Unn era di la pieve d'Alesani,
E l'allru noslru qui Casrellacqnese;
Chiamati lutee dui par mala sorre
Au ITihunale ad informà la Corte.

ÂLES.-\..'\:~NCO.

Or ghià che lu m'hai delto la cagione
Di 0 to \"iaghio. eo ti diraghio a mea.
M'aceintolono l'alIT'anno nn pollone
Ch'era la meglio di quanti n'arca :
Era assatochio, e pieDO un capparone
Ogn'anno di ~-tagne ci cogliea;
Ê ne facea certe imbrostolate ( 1)
Che pareano frittelle inzoccherate.

YI,

Lodalo Dio, disse quel d'Alesani ,
Chè forse ayrachio l'ovo compaguia.
Per quantu m'arriveco ( 1 ) a li 10 zani
Mi par che testimone anco tu sia :
S'ella è cosi tocchemoci le mani ,
Ci 0' anderemo insemme a la Bastia.
Bon di. rispose l'éÙtru, 0 camerata;"
Po' esse chi tu J'aghie induvinata.-

IX.

Eppure 0 Podeslà di 0 mio paese
Mi dode 0 torto; e appunto l'aIITo jorno
Peunghiandarino (2) venneno a leprese
A moglie COD uo'altra d"ô contomo
E si dodeno in capo scope accese
Pale, vastoni , e sbrnsciuli ( 3) di forno:
o Podestà, com'era di ragione,
Fece a discherco (4), od io so testimoue.

TIl.

Posemo (2) un poco; dimmi il to paese ,
A me eonoscerai, so d' AJesani.
Rispose l'al!Tu; 00 sô Castellacqnese
Di quelli paisoli più suprani,
Duve l'alIT'eri beunenu a le prese
.'
Cerluni sopra all'intastà.(3) d'i cani
Ci fu quaIchi scapoccniu'e sambulone (4)
Tra i paisani, ed eo 50 testimone.
1 m'an-edo. 2 sediamo.
pezzone'e guaneiata.

3 intaJtare. aîZ23.re.

x.
Bole ch'io dica chi la sô consorre
Non ru la prima a minà di \'astone,
Chi ru dall' alITa provocata forte,
E gli dia to.tta quanta la ragione.
Per queslo veDgo chiamalo .. la Corte;

.4 sca-

1 (;~gDe arrostile. 2 porceÏÎiDo slattato che comincia ;
mangjar la gbianda. 3 pan per ispaizare il fomo.
4 il SDo ....
disearico cioè il proc:es50.

...

1

-


( 28 )

E temo che mi mettino in prigione
A sta dentro la VoIpe in caterocehio (1);
Eon n'aghio no sono daecaceiammi lm oochio,
XI.

Porlo con mocO œrte pisticcine (2 )
Grisee quanto sian state in sepollnra,
no pezzo di caseio sopraffine
Bianco, ehe i scbiari 0 chiamano gaIlura.
Di di la reriti! questo è 0 mio 6ne.
Finchè 10 pane castagniuo dura.
Ma scozzolato che sarà Jo zaoo
Diro che San Cristofalo era un nano.

«JO

XII.

Ti rooo ad ermo-i'elge una prisochia :
Forse sarebbe nua zucea di mo!
Tu redi pur c1i' en spulo salimoehia
Com'eno sputa in mare 10 dellino.
G..\STELLo\CQ6ESE.

Chi ne moi ra chi la lin,,"tIa ti soochia
E t'annega (3) li denti.lu meschino!
Quest'annu Caslellacqua è stata nette ;
Un n'ha auln che un pocn di rinetta.
XIU.
A.u:sA.Nl:\"CO.

Dallomi per amor di S. Gbieseppe.
Perche mi senlo da 0 sole brosciato (§).....
1 in iscoreio. di lato. da caUro (lat. clalhri) callaja stret-

ton eanceUo. peI' la qnale s'entra di lalo. 2 pani di farioa
di. CIlSLa~a.
3 allega. 4 brncialO.
ta

,
( 29 )

Ah! fratello che parc 10 jileppe ( 1J!
Sia reuedetto 0 1000 , ovellO-è nato.
E henedeUo sia.qnello chi seppe
lnren!aae un licor cosi pregiato.
En roglio maladi li mio denzani (2)
Che fondono paesi in Alesani.

xcr.
CAsTELU.CQCESE.

Un dnbità .Jratellu, CO li rispondu
Chi 0' ayerai quist'anou cumpagnia ;
Perchè c'è carestia per tuttu u mondu.
Bon graDu e binn yonu un ci o'è cria.
Temu chi st'anou un sia (orse u seoondu
Dopu di quell'anlica carestia ,
Quand·Orezzinchi. per nun cascà morti ,
Feœr di pane dicessette sorti.
xv.
ÂLES-,,-,""XCO.

Or chi rerà 10 porero Alesani
Ch. di riDo ebbe sempre carestia !
La ricea • nobil piere d' ~pognani ,
Che sempre tant'abbondanza n'aria;
Si ne lavava a faccia co le mani,
E tanta eheritade (3) ne fecia.
Eo tante ,'olte ci sb praticato ,
E sempre mi pérlia imhorrac~ato (4 J.
i giaJebbe.
2 anziani. anteoati.
3 caritA. Iimosina.
qDi iD senso di eort.esia.
4 mezzo ebbro.

c::::: -,
( 31 )

( 30 )

.Quest'anno U!l ne ooglii Manco un sportello ,
Né [cci chiostro a lofia (1 ), ué a porcello.

XVI,

A.rrivai una sera in San Mertino
A Scala; ed era da tutti imbitato ,
'
E mi dedeuo a heje taulo vino
E Tino tuUa d' 0 moscateI1ato,
Ch' io feci "eoti miglia di cammino
Solo iu quaUr'ore, taulo era scaJlalo,
!fa avale onn'accore ch'eo ci vada'
CM dell'aequa ne !Tom per la strada.

XIX.

Guerd. qui le mia dite- dili.ale •
Pareuo quelle di 10 cancellere'
,
c
Ché mai quest'anDO DOn l'achio imhrotlale (2),
Nè [.lto paraooda (3) a 10 somere.
L'aIt<'auuo doje dite ave. slroppia!e (4) ,
Ayea i lalorchi (5) impoDti daJo jele,
E stedi in man di medioo tre mesi
E foi (6) 10 strazio di li mi6 paesi'p).

XVII.

Cbi ferà, dico, 0 povero Alesani
Che di ,-ioo ebbê sempre careslia!
Eo piengo li min preti paesani
Che presto cbiterauno (1) a sagrestia.
Se Monsignore on ci mette le mani ,
Per le messe bon di Tossignoria.
Dopo commonicatomi. in Natale
Eo ou ue hejo più : questo è mia male.

°

XVIU.

Ma, camerato, dimmi di castagne
Come eoglite , e cosa ne sperate?~
Da Doi 50 spatronate le -campagne
E sa le pollouele tulte oschiate ( 2).
Se tu mi dai uu pialto di lasague
.
Eo ti rinuuzio tulte le mia enlrate ,
J

j lasceranno.
:1 uschiate. arsicee, adoggiate; forse dal
latino ustus, ustulatU.$.




xx,

E hera, {S) eo 'picusi in letlo più d'on ghioruo,
E spesi in malallie piùd'un qualtrino..
Ma fomicava (9) sempre 10 mioIorno
Come di Monsignore 1o cammino.
Avale nasceracci ~'erba intomo,
E coglieremo i fonghi n' 0 molino;
E 0 molinaro, persi li taceberi (10) ,
Si maughierà la vrenna (11) e li someri.
XXI•
. ÜASTELLACQUESB.

IF
.
Eo ti prumettu, lu nostru querinu
Spesa noYa mm ha che basli un mese ,

i scTOCa. 2 brottate, sporcat.e. 3 soccodagnolo. 4 stOTpiate. 5 ta1I.oni punti, ossia o(fesi dal gelo. 6 foi 7 uomo
da Dulla, straziato duutti. 8 è vero. 9 foma,·a. 10 le poste,glîavventori. 11 trusta.



( 33 )

( 32 )

E si trova a mall'untu lu mischinu
Più d'Alesani, e più d'altro paese;
Perchi l'erpia di San Pilegrinu
Inghiuttite si n'ha le vecchie spèse.
Per ditti a causa di li nostri mali,
Chi ci ha bintàtn (t ) e casee e li bancali ;



XXII,

O!!l1i dunnuccia vole la rucchina,
o
Un si cuntenta pÎli di la suttana;
E scherpette a la moda Fiurentina,
E le fallette • la Napulit.na;
Coreou le castagne a la m~rina ,
Banu a Carchetu e banu a la Campana (2 J..
o chi sia maritata 0 sia ziteIla ,
Se un n'ha calze -rosse, nun è bella;
nIll.
o chi sia figlia 0 moglie d'un pastore,o figlia 0 moglie d'un yil muJinaru,
Addossn vuol più sorti di culore,
E arriva in o
"hiesa cume un Tefularu (3).

~ Altrimenti placaUa DUn accore;
Ti spezza cu e calcagoe- ln sularu.
Per dilla chiara, s'era buon'annata,
Ne vedevi più d:una impn1verat:'.
XXIV.

Ma credu ch'averanuaJtrî appititi,
Nè circ·heranu più di fa le veUe,

Chi bedenu i castagni imbrustuIiti,
E'pe le rati ( t ) biderannu e stelle;
E camminà durr30u li mariti
Un dieu per friscetti (2) e pimpin.oelle;
Ma per purtane a le ~ mischine
Qnella roba chi fanu e Migliarine.

xxv.
Pensa se puderanu mai campane
Quest'aunu le famiglie sventurate.
Decime almen nun hannu da pagaDe,
E di Fumaju so privilegiate;:
Quest'annu si chi si pudia troyane
Dell'eccellenti e nobili casate
Chi guderanu nu i nostri cllnfini
1 privilegi d'i Bonifazini,
XXVI.
ÂLESANIXCO.

Avà si chi mi sento infriddolito (3 )
E pare mi sia junta la quertaua.
Credea sol ch' Alesani 10 scorito
S'avesse ad intaslà (4) con Pilicaua,
Ma nun lagnatti; tu si ben bestito;
Hai voni scherpi e una vona sottana :
Este 0 mantello vecchio; ma è impezzato-;
S'ello è lo-tojo, 51 mezzo scampato (5).
t Le grate, il g:r:atajo. 2 NastrÎ. 3 Aggbiadato. 4 Avesse

aa izzuIrarsi, a combattere.

.
'

1 votato. 2 villaggi di Orez1.3.

3 refajuoJo, merciajo.

3 Sal'fo.

r

( 35 )

( 34 )
XXYII.

Hai detto cbe le donne si> hestile
Tutte di rosso da 0 capo a 10 pede.
E quando 0 jornu restino (amite (1)
o danna Don si soorge, nê si crede.
:lia co r achio, pcr Dio, totte compile:
Eo so sbrettato. come ognun mi ".ede;
E le miô donne. negà non 10 posso ,
Teneno appeua unO pillaœhero (2) indosso:

xxnn.
Ci sono si di le figlie gherbate
C'hanu honnelle (3), rnechine.• ghiohboni.
E portano e camisce lavorate
Cun otto 0 dece pare di Tottoni,
Co le scarpette a taœhi inzoccolate ( 4) ,
Mandili (5) fini • scofietle, e bendoni;
:lla credo presto presto che parecchie
L'empigDerano per castagne vecchie.
XXIX.

Non frena dï mercbenti rempie brame,
Più d"uno se n'appicëa da la fame.

xxx.
Se Don rassi spogliato come "OOi ,
E se non fassi di manteHo seDZa;
Se nn mi scappassïno i scherpi daï pedi,
Eo ne voria parlane a sO EcœIJenza;
E boglio (alla, se me 10 concedi;
E bramo che 10 veoghe aJa pieseoza,
ÂlTivati che simo a la Bastia,
Fammi, fratello, un po di eortesia:

=.

Se 10 ( 1 ) mi paghi île hoccale di vino
Ch·co veja. piglio sohito (2) 0 scaloue.
E li (accio un discorso sopraffino
Che non ne porti imbidia a Cicerone.
Con nn modesto e riverente incbino,
Li dico: EcceHentissimo patrone,
Ti conceda l'eterno Facitore
L'oro di Creso e gli anni di Nestore.

Se nOD provede Dio nostro Signore.

Prima che benga 0 tempo dill'erbigIie,
Camhierano di rolto e di colore
Le nostre amate e delieate figlie;
Se Adorno, 0 nostro bon Governatore,
COD zel paterno e con tcoaci vriglie
i A!tamate. :2 1:0 lembo, nn eencio di abito. 3 Gonnelle·
4 Fatie a zo~colo. 5 ~l1andile, dallatino mantile, Canoletto.

--

xxxn.
Eo sono de la piere d"Alesalji,
Bisognoso , mendico e poyeretto,
E questo mÎo compagno è d'Âmpognani
Fatto·oggidi de la pie,"e di ~etto.
Con dinocchie piegate e ghiunte manr
Noi vi preghemo COD umile affetto,
1 Ta

2 Subito,

,~_

:

( 36 )

Che diete ai nostri guai prontn riparo
Di yireri , di roba, e di danaro.

=.

Saggio costode di gelosa torre 7
Se bene dai nemici assediatn,
Fin da principio a la difesa accorre ,
E si conserva il mo postn onorato.
Con arte doUa il medico soccorre
Prima chi perda e forze fammalatn:
Se il primo dorme e faltro non è accorto,
Pres. è la lorre, e l'ammalalo è morto.
XXXIV.

Il popolo morerà de la enslagna,
Se presto non ha ajulo di quaUrino,
Per comprar orzo e segala in Balagna
o miglio di Casinca n' a confina:
Castagne e rano (1) nessuno ne manghia:
. Ogni merchente è troppo acoto e fino,
Né bende nè impre::.-tà. si gloria e vanta ,
li lino a maghio '1"'1 soldi quaranta.
=V.

Se moIti e moiti arrivano a febhraro,
Dite ch'h';;'o vendulo 0 mandar;ino,
E s'bana auto di castagne on stara.
50 andate caUe caUe a 10 molino"
Finile queUe no!! c'è più ri~~; •
1 Grano.

( 37 )



Chi diventerà ladro e chi assassino ;
Si viderano ri.sse e occisioni ,
E sacrilegj e depredazioni :

=n

E solo pô caecià miserie tante,

E fa di Dotte oscnra mezzinrno
L'Eœellenza dei Principe Regnante,
Che in voi risplende, 0 gran Filippo Adorno:
E Monsignor Dorazzo 7 alma e zelante,
Di cui SODa la rama d'~oni intorna,
Deh! porga ajuto al misera Alesani ;
Chè siam vicini , e suai diocesani.

( 39 )

NOTE
ALL'OTTAVE DEL PRETE GUGLIELm.

STROFA.. IV. VERSO 4. JLn::a, una data estensionedi terra.
che si poo misufare con nna lenza.
Sn. rr. VER.4. Cortanilt. 0 ColtaUna,o Cortalino,è DO

colto.o trauo di
ad orto.
Sn.

'i"1.

t.erra

'fieino alla casa. che si sooI coltinre

YEll.. 1. Gii abitanti di Alesani si vantano di par-

la! tondo, e pongono SO'"ente 1'0 stretto neUe parole iDveee del\'u 'fernacolo. ossia dell'snlico u lalÎno. anche qoando Don va
posto. come gli abitanti d'Orena. piel"e limitrofa. nsano ru.
qnando va osato 1'0 largo.
Sn. VI. VER. 3. A.llnsione saliriea alla zaino deJ sao eompagno di 'Viaggio. il qnale doveva e5Sere grande e pieDo.
.. SrB.' vu. VER. 6. Quando doe persone aizzano i loro caai
l'nno contra l'allro, nngono SOl"ente a rissa rra loro, if ehë aecade qnando l'an dei doe cani essendo perdente, il padrone
YUole frapporsi e rÎtrarlo. prima cbe quella specie di siostra.
sis finita.
SrR. ""lU. VEit. 3. Accintolare an albuo 7 se<llUrJo intorno al fusto.
Sn.. VllI. lER. 5. Casta!J1l4 QSsatoja, da! latino a.sMlre ar·
rostire, è ebiarnato un marrone di una cerLa speeie, (acile a
sgasciarsi, quando ë arrostito.
Sn,. T'lu. 'fEP..)S. Capperone, qui signifiea una specle di
recipiente, che sNa intrecciando due roglie di lapauo, e contie[!.e tre manciate di castagne verdi.
Sn,. 3:. VEll. 7. Some che si dan ad-ana stanu souerranea nelle anùche"'carceri di Bastia.
Sn.. 3:. VEll. 8. È on idiotismo, che significa : non ho neppure DO soldo, se anehe tn 'Volessi con queno caurmi an ocehio.
Sn. XI. 'ER. 1. Püticcine grisct, paoi di farina di castagtla,gr*i per la marra .



Sn•• XI. lER.4. Gallura, nome che si da ad UDa cattiva
qnalilâ di (ormaggiodella pro'-ioda di Gallnra iD Sardegna, e
che servin di eompanalico agti scbi3'ri di Barberia.
STlt~ :s.t!. VER.t. Armo-{elge, 0 urmo-falce, dal latino armus J spana, e 'fool dire ad arma.collo ; s'intende di cosa pendente dalla spaUa a modo di falee, cioo obliqaarneute.
Sr&.1ÎL Vn. 1. Pruochia, oua fooe di pel di capra con
cui si preedono e si legano le bestie. Qui s'in fende ana fune
qoalonqae, cbe si lenga ad armacol1o.
Sn.• :DU. Vu. S. La pieve di .!..lesani è assai scarsa di yiDo
e d'wive.
Sn.:DT. VE&.4. Cria, nn poehinG, ana minima qnanlitâ
"forse dalla'paroJa greca gry, cbe significa 10 stesso.
S't'Il. nv. VER. 6. L'3atore, in altro eomp<lDimento che egli
feu in lingaa volg&r-e per nna careslia aecadata in Ore,za nel
iii5, rammemoro la catesliadel i582, raccontata dal Filippini
(Slorlu di Corsica, lib. i3}ed enumerô in uo'ottava le diciassette sorli di pane mentonte =l qael proposito dal FilippiDi.
Sn.. X\"l. VER. i. :Xel giorno di S. :\Iartino. Scata, villaggio
di Casteldaeqaa.
Sn. XVII. lER. 7. XeUe eommuD!oni di Pasqoa e di :XataJe.
i parocbi di campagna solevano oUerire ai fedeli deI vino pet
la porificazione. QoesLi doe ,-ersi sono ona ipe.bole satiriea.
colla quale il poeta ha 'folnto celiare solla sterilîtâ deJle ,'igne
d'A.1esani.
• Sn. 'n'm. VER.. 3. Spatronale, de...o:erte, desolate, rneta-

fora tolta dalle case e dai camp'i cbe restano senza padrone. ed
aoche dalle donne a cni maore il marilo eh'esse chiamano in
aJcuni villagi il padrone.
Sn. n. Y:u. G. No, e piu communemenle nu e irtdu è (orse
on'antiebissima preposizione latina inveee d'in, detinHa da l
gteto tl1don, denlro: s.i riscontra so'·cllte nei frammenti di
Ennio e di Lneilio;in coi si legge pet esempioindu (()ro, invece di in {oro, indu mari • inveee d·inmariec..
Sn. ni. VER.j. Querinu, il qa3rliere, ossi<l la quarta
parte de!!a pie"e.

( 40 )
STa. XXI. VER. 5. S. Pellegrino, spiaggia di Tangua. OTe
i bastimenti VaUDG a earicare di graoo edi castagne pee traspor·
tarlein Francia 0 in ltalia;eda questoeommereio Basee alcane
volte la cares1ia : qoîndi l'aotore chiama qoesta spiaggia arpia.
Sn. ::u:u. TEL 1. Bucchif1l1, gonneUa falLa,a roech.i. ossia
a strisee Janghe, e che si tiene SOtto la $Ollana 0 gonneHa.
Sn.. llU. VEll. 4. Fallette 0 Fald-eUt. nel nnmer~ plurale, è ana gonnella di tela fina. di colOt lorcbino eopo. e di
langhe raide u..~ta a~cbe oggidi : la ralda di dietro arroveseiandosi fin sulla (ronte. serve a eoprire l·imboslO. la testa. e in
parte il Tiso delle dODne.
Sn. :XXII. Vn. 6. Villaggi d'Orezza. pieve molto addetta
all'indnstria ed al eommer.;:io.
Sn.. XXIV. VEIt.. 3. Imbrustoliti 0 ahbnutoliti. dioonsi i eastagni i qoali pet effetto de' venû australi 0 dell'elettrieismo

den'aria perdooo alcUDe rogUe. e quelle che restano SODO come
brnciate.
STJl,. urr. VER. 4. Qnesta espressione mostra con eyidenza
il cattivo 51810 deI tetto e dei gratajo ossia dei gratiukl che
sene a seccare le ~5tagne. TI gratajo Sta im~i.atameDte sot·
to il 1etto, e sene di soffitto aUa sala in me.Z%~la qnaIe s13 la
:.iglia ossia îI (ocolajo.
"!
Sn. :U.fT. VER'. S. Migliarindcom, a ~ire migliajne),
merciaje bastiesi di Dna DDmerosa famiglia. cosi dette perchè
ana di Ioro 3veva fatto sette figli ad on parto. Esse veodono
tnttora franse, bottoni, fett.ncee éd aItre cose di m· Gr lasso.
Lepimpin~l~ sono triDe 0 pizzetti.
Sn. ::c.n. Vu.4. Si çO)iamava Fuma.jo UDa tassa ecclesiastita, ossia un baciDG di graDe 0 di castagne. ehe Oe"Di rnotO.
o come dieevasi ogni Ù1iame dava al çarato oltre la decima e
la primizia.
Su.• xxv. Vu. 8. GU abit.anti di Bonifazio, iD premio dena
loro aotiea fedeltà alla Repnbbliea di Genova. godeTaJJo il priTilegio di reggersi a comane colle proprie Ieggi. e d'imporsi
da se s1essi le tasse.
Sn. xxi:L YES. 3. Lo Scurito, parola dei diaJetLG di Ca~


( 41 )
corso. qai nsata per istheno; e questa.. come la parola tinto,
signifiea il meschiDo • il disgrazi3to, e qneste yoei otiginariamente roetaforiche derivano dai brono di cai si riyestono te
famiglic de' defunti.
Sn.. XX'Vl. VER. 4. Pilicana, ê nn nome che si dâ in aleani
villaggi aUe cagne magte le quali non abbiano che la pelle e t'ossa; e per trasl3W Pilicana si cbiama anche la lame. L'etimoJogia ai qDesta parola è forse la t'oee Pellicano. nome di an t'olatile, il qDale estrae dal soo stomaco il <:ibo pet Dotrite i figli.
STH.• x.xvu. VEll.. 6. Sbrettmo, sincope daUa parola spurettata ~ oodo. sbricio; metarora formata dalla parola puretta.
che significa tlD campo denstato dal faoco o,-e non riman'gono
che pochi lronchi abbronzati.
Snl. XXI';. VER. 2. Erbiglie, finocchi, e varie allre etbette
selraticbe. ebe si colgono pei campi in primayera; e se ne fa
ottima zappa.
SrIL XXXI. VEll. 2. Prendo, ossia salgo d'on salto la scala
dei PaIazzo; intende deI paIazzo dei GO"feroatore.
Sn.:U::XL VEll. 6. Qai l'inlerIoco.tore, figorandosi in pre-.
senza deI Gonrnatore, si sforza di Iasciare il dialetto. e di
nsare il prelto ilaliaoo; ma poi mescola e confonde l'ano tolJ'altro.
SIlL:u:xn:. VEll. .f. N~tto, qui signifiea nn 1000go oye non e
più éasa atcnna. Con qneU·ingegno acato e motleggeTole.. eb·è
proprio degti abitanti di A.lesani, qnesto int.erfocatore ta deIl'aggettil'o nnto il nome proprio della pieYe di Ampognani af.
.mUa dalla careslia.
Sn.. XD:IT:VEIl. 4. Pieve molto fertile (Ii biade, posta StllJa
spiaggia orientale derl"isota , rra Marana e Tavagna.
Sra. :X"XXT. VEIl. 2. Mandarino. Xei Tillaggi di montagna,
il mann.erino. ossia il majale !ornisce aDa parte deI companatico per muo t'aDDo.



( 43 )

La coreia (1) eumn faraghin
A sta sola in quisti maccbi '?
Isfureà vogliu lu palu ( 2) ,
Qnillu d' i sette fnreoni,
Ch'un ci s'appenda più zanu (3)
Nè cappueciu nè piloni ;
E taglià voglia la coda
A. Cimosen ed a Faleoni (4),
Di didih! (5) par me sOlutti:
Fati un gridi universali,
Fratelli ..snrelli tutti: .
Un n'è statu pneu mali.
Mortn è u capu di a famiglia:"
Oh 1 la me' sorti fatali!

D' UN A TALAVESE,
PER LA !fOan: DEL 1f.-\BJrO, T.-\CCAJO.

Fu la piagghia ( 1 ) la so morti,
Due (~) stanu li eurnacchj,
Oh erndeli, oh iniqua sorti.
Par Franceseu di li vacchi 1

(") ..Questo genere di poesia vien ebiamato dai Greel mirio10000; in S8rdesna il litio. tome jvi dieesi lUitrre il vocerare 0
ballatar delle donne; ha nome di tnObolo nel regno di N'apoli.
ove coleSte impro'fisatriei. dette daiLatiqiprtPcM. l'engono
ehiamate ripetitrici dal ripetere 0 rammèntare cbe ranno lotte
le buane azioni deI de(ucto. n senso di queste parole si trOU
defiliito da-Tacito laddove p,arla dei funuali ai Germanieo:
tt'terum imti~ta> meditala ad memoriam. fJirtutu carmina
et laudatioms et lacrym..as veZ doloris incUam~. E che
qoesto nso commune rra gli anlkhi lrlandesi e oggidl r.ra"M~
ri -tosse 31ltiebîssimo in B?ma, si rileva daHe.leggi deJle XII
tayole. ove il .ocero detto lessus, era ponilo quai tOSlnme inCÎ'file. nel modo stesso ch'era punilo dalle leggi di Solone : mulieresgenosmradunt". nttle Lunan lU'N:'rÛerg,,·hab~to: mu~
lier faciem ne'"Carpito; e con qnest'ultime parole illegislatore
nelan aile preficbe cio cbe in alcani vi11aggi piti <>Senti di
Corsica si cbiama raspo e $caletto .. cioè il rasparsi eolle..mani
e 10 scalfiggersi il rlso nei piagniStei funebri fino ad elTusione
di Gangue; costume proveniente. al dir degli eruditi • dal1'aDtica credenza mitologica che to spargimento dei sangue aggradisse ai marii dei defunli.
(i) Pjaggia, qui tale pianata eoltiva snI mare. 2 dove.

(i) Meschina; coretO èparala di commiserazione e spesso

- di carezza. forse dat diminutivo latino coreulum.
(2) Uo grosso fortone piantato pressoaU'useio della capanna COll setle rebbi 0 rami per appenderri zaini. bisacœ 0
ntensili pastor:a1i. Il Pelone ossia Cappe.rone di pel di capra
appeso in cima al foreane eop~ le dette ma ruie , e le dïfende dalla pioggia. Qaesto palo è 10 spogliatojo e la dispoensa
deipastori.
(3) Zaino.
(li) :Somididoecani.
(3) Fa il grido delle donne cbe piangono compitando ossia

voeerando e strappandosi J·una aU'aHra i tapeur: non 50 se
questa interjezione sia siocope della parola ok Dio! o. sesia
piuttosto vou imitatin dei verso di chi piaDge 0 ~ siik~
delle balle e dei fantiuUi ti ti, di di, cbesignifiea atI-araktte
bua 0 male. Fors'è qnesta la radice della paroJa sarda"rItittrts

voeerate.

( 44 )

( 45 )

Dentru farca mi· pinsaja

5eppellito il defanto.la aoona ritorna alla sua çapanna

Ci fusse qualchi portellu (1) :

e descriye ana famiglia ed a'yieini l'·interrO.

MaYidi che lu lamponi (2)
Ind'u tufunacciu niellu (3).

Quandu lu posinu in hara,
E u culloni (1) a li Prunelli,
Piansinu par doglia amara
Li pecura cu l'agoelli;
E reggbj (2) dn ln sarconu
Bè bè bè facianu anch·e1]i.
Riposto in Santa Maria
In n'a jescia parocchiali ,
.L~ Pinvanu, anima mia!
Cumu capi principali ,
Caotaja cu r a1tri preta

Ci} FiDestri.n..o. e qui Q.SC.Îolino.
{2 J GettaroDo.

(3) 1.a bneaecia net'èt.

Li cosi di li rnissali.

Finite le finzioni (3),
Tutti pronti ad ubbidioi
Una folla di parsoni
IncomincioDi a scrupini (4) ,
Alzandu sopra una tegghia,
Par ynlellu seppellioi.
La eoreia, da me pinsaja-:
Chi ne faranu'aYà (5) d'ellu?'
(t) Lo salîrono. Prunelli Dome di Inogo.
(2) ~I capretti della stalla delta sarcon! (sarconu) da1 greco $(lrx carne, Come si cbiamano eggbj i eapretti dal g:reeo
~gAu~ caprt.. 0 dallatino hœdus eaprelto.
(3) Fontioni.
(4) A seoprire la sepoltora. (li) ora.

,

SI

f,.'

( 47 )

Cu li so helli tisori
Si ni va a naufragani.
. - . .. . ~-.::..J..L-..T~"~..aL.~

PER

L.~

MORTE DEL MARiTO.

(Dialetto dei di là da'monti.)

.
,

o

lu me' Petru Francescu,
Capu di li me' ruini !
Voi erati u me' fion,
La me' rosa seDza spini;
Erati lu me' gagIiardu
Da Jj monti a li marini.
E' (l) v'avvingu in cu (2) li pedi
E v'allisciu in cu Ji mani.
Erati ln me' mari tu ,
Erati lu me' spirani (3).
lu me' Petru Francescu,
Principiu di li me' mali!
La me' nari in altu'tllari,
Quilla chi sta par sbarcani;
Ma ni veni Ja burasca,
E nun pô portu pigliani ;

o

(1) EO,eu, eju. e'io.
(2) In eu.
Il mio sperare. la mia speraDta.

(3)

eon.

s>

Lu me' ciprcssu fnindutu ,
La me' u,a muscatella ,
La me~ pasta înzuccherata ,
La me' manna do1ci e bella.
Oh li me' oolpi fat.li,
E di Grisciô (1) la me stella!
o Griscio • la me' figliola, ...
Veni qui duv'è babani;
Dilli tn chïn Paradisu
Par te Diu "oglia pricani
Chi tu abbi miglio sorti
Chi quella d'a 16 mammani.
Erati la me' colonD~ •
Erati ln me' puntelln ;
Erati la me' grandezza;
Erati lu me fratellu!
La me' perla orientali
Ln me' tisoru più helln !
Lu me' aranciu c.uluntu,
Oh lu me' rarn deeoru,
Lu me' bicchieri d'argbentu
Ripiu';'atu (2) tnttu in oru,
Ln me' piattu signurili,

( {1J Sua unica figlia.

(~~

Fregiato.

( 48 )

( 49 )

Ma colmu di lu me' dolu!
Lu me' ogliu distiUatu ,
Lu me' spintu di nou ,
Lu me' facci-<üli~tu,
lI1ischiatu di latti e ,ion,
Lu me' -vetm riJucenti,
Ln me' speechin di cuoliuu ( j )!
Prima chi ]0 yostri oomi
Mi 'foglia dimenticani,
Vaglin chi li me', du'occhj
Tomion (2) dni fnotaoi :
Eo ln me' Petru Fraoccs<;u
Sem-pre lu vogliu chiamani :
Fors'allora ln me' cori
Di doln si criparia,
E la me' alma mischioa
Incun voi si o'andria,
Ed a quistu mondn e aquilin
Cuntenta si -nj staria 1
la me' scarola d'oru
PieDa a ta'faccu muscat«,
ln me' ,'estitu finn
Tuttu in oru ricamatu :
Erati la me' grandezza,
QniJln che mi stava a latu,

o

o

La me' arroi vïuleuti ,

,

La me' spada soprallina',
Oh li me' trisli tâlenti ( 1),
La me' nltima ruina!
Vo'pariali a li me' occhj
Una vela a la marina.
M'era attacçata a li voti
Par {rancahi da la morti;
Ma, lu me'Petrn Francescll,

Eo nun ci aghiu avutu sorti.
Lu me' grandi di curaggin,
Rispettn di li me' torti!

La me' medicina Tara.
Ln me' incensu tllttn odari !
Oh li me' danoi fatali,
Ma Catti da lu Signori !
Oh li me' piaghi murtali
Che mi strappann u me'cori!
.0 lu me' jallu pumposu,
Lu me' fasciaon più helln ,
Oln me' presuali voti (2),
o lu me' distintu uccellu,
Nun m'ascunderacbiu più
Sottu lu ,ostru havelln ( 3 )

(1) Talento. qui signifiea SOrte.

,

(i) Di eontit!Do, seD)pre.

(2) Divengano.

(2) Presoai voH valescelto.
('9) lIeoto. da bava.

( 50 )

o lu me' Petru Fraucescll ,
Prigà bogliu lu Signori . .
Che vot siati ricevutu
In Paradisn, ume' fiori.
Quista è l'unica spiranza

DEL VESCOVATO.

tlOCffO ~i .suntiu SUu .!I1crglit.

Chi·c.uusola lu me' cori.

Eo 56 un acellu di l'Gsell ;
Portu una gattiva noya.
Prestu falate disottu;
Apparicchiale la tala. Apparicchiata è la tala
Cun cinqueœntu purlale;
Gtiiuvanni vi pI:ega a tutti
Disoltu ( 1) se voi falale (2). Tavula di lautu guslu
E di tanta cunlentezla ( 3 )' .,.
o Juvà, percliè la faci
Di dammi tant"ammarezza ?
M'hai tiIatu a mezu 'core,
E passatu cuna (4) [rella.
( i} Di sotto ua il piano Do6ile ossia rlservato. dove si riceTeano ad ospizio i forestieri. e don s'inibandiva laro la

!aTola: ta gente di casa non vi entrava. faorebèin simili <:ODViti 0 Dei rW1erali,; perchè in questo piaot> s"apparecchi&và •
aoebè la tola. Tola qui è parolaequiToca: poiehè si.gD.tfica,nel
diaJeuo la tavola da mangiare. e quella dOTe si steodono i 'üeta:Dü.
(2') Scendete.· (3) IroDieo.
(4) COD Doa:

( 52 )

( 53 )

Cnllemucine ( 1 ) disopra ;
Qnesta è sala di Iresteri (2) :
Jnvà, tn la sai pnrn (3)
-Chi Dun ci stavamn gueri.
Stamane a la to famiglia
Quantn r aceresci penseri !
Qual'è chi t' ha cunsigliatu,
Ghiu\"â , chi nulla Dun dici!
Mi yogliu strappà lu core
Eo cun tutte le radici.
Perch" m'hai da là pessà
1 jorni cusi infelici?

o

Eccuti lu diamante,

Quellu chi m'hai postu.in ditu :
Nuo la sai ch'eo 50 a to moglie,
E tu si lu mio maritu?
_ Ahi si statu eum'a nebbia,
Chi per aria si smaritu !
Si tu un holi stà a paesi,
Ti mandarachiu in Bastia;
E culà li ne starai
Cu la to Nunzia Maria:
Forse Dun ti piace piu,
Ghiuvà, la mio cumpagnia?

UD<t donna della Vemolasea (2) interloquisce.

Cuntentarevi , Signora ,
Di lasciacci u seio Gbiuvanni.
Qùelli di lù Viscuyatu
L'hanu gosu (3) per lanfanui :
Stamane alla Venzulasca
Lu vulemmu traspurtà,
Santia risponde :

Eo credu ch'a comune ( 4 )

Nun gli lu permelterà.... ,
(Bipiglia Santia).

Or nun vedi e cnmpagnie
Ghiunte qui da tre paesi?
o Jnvà , sai chi per te
Or ci so Ii lacei tesi?.... ,

(i} Figli deI dernnto e di lei.
(2) Grosso villaggio vieino al Veseo,-ato. nel eui territorio
era il eooyento oye si sepe.llivaoo i ddunti dei due villaggi.

fi) Saliamoœne : coHue da coIte.
(2) Di rorestieri. cioè d'ospiti.

1

Duve si , la miô Lillina,
Elu mio Carlu Filice (1)!'
Mi vogliu strappà lu core
Eo con tutte 1. radice.... ,
Ch'eUa sia la verità
QueUu chi la iente dice?

(3) Pure.

(3) God'nto.

(4) La eomuaitâ.

( 54 )

Signori Venzulascbesi ,
Vai l'avete superata

Di pigliabi u Mio Juvanni,
E lasciammi abbandunata.
U mesaru u m"ogliu caccià,
Bagliu mette le falMte (1);
E pO mi ne vogliu andà
Cume lutte le puarette.

. .... ,.

.

(i) Santia F..... tenDe la promessa tatta al defanto marito; perchè Don depose più le faldeue vedovili, Teste nsata

abimaImente dalle doooe povere. fi mesaro en Tes&.e delle signot'e, e coprin tome le raJdette. la testa e il bllSto.

Dl UNA GlOVINE VEDOVA
SUL C!.DAVERE

nu

YA.B.lTO.

(DialeUo dei di là da"Monti.)

o

carn di la surella (~),
Cosa ,-ecu qui stamane!
Ln mio cen'll pelibrunu,
Lu mi6 faleu senza l'ale!
Vi vecu (2) cu li me' occhi

Vi toccu 'Cu le mi6 Mane ;
o carn di la surella ,
:Basciu le vastre fuutane ( 3).
Pussibile eh'ellu sia?



Nun la credu mancu avane.
Lu mio mermaru piantatu ,
Lu vapore a mezzu mare,
Lu mi6 faltu a lu pinnellu ,
Ghiuntn qui da le eittane!

(t) Qui per moglie. espressioned'a1fetto.

(3) Qu) per rerile che danoo sangtle.

(2)

v"o.



:.
( 57 )

( 56 )

1

Tanlu vidi ehe a !lfaria
Ella nun pudia durane.
Lu miô scortu pet fngghi ,
Lu mi6 braru per parane!
S'ellu si fusse lruvalu
Cu leso arme a le mane,
Nun lasciava 'rassi tortu,
Nun l'arianu faltu male.
o più dolce di lu mele ,
o più mansu di iu pane!
Paria Dio l'avesse fatm ,
o !lfaria (1 ), cu le tà mane~
Quantu vi recenu aDore
Qnandu cullaste a Leriel
SnrtÎnu tutti i Signori, ,
Fecenu tante allegrie :
La mallina di lu Vescu (2)
Nun ci funn (3) tant'. ebbrre( 4).
S'ella l'avessi sapntu
Voslra surella !lfaria !"".,
-Perchè tultn lu mio s,,%"1le
Per loi datu l'averia,
.
E Jl'lI59ne.guant'e m.oscbe
!lfandà qui eo bulia ,
E poi mettemi a la testa
Vostra surella Maria.
(1) Parla a se stesS3.

(3) fmono

Ghiunta su la vostra porta •
Voi cun me trattaste male :
Nan uscisle manc.u fora
A bulemmi scayaleane.
Ci 56 entrata a trecce stese (1 ).
o fratellu. in qniste sale;
E poi ci achiu tronl a boi
Spanzatn eum" un majale.
E per me lu mi6 babà
Qnantn ayia bulutn fane!
DaI]à eîœa di la pieye
Tesu avia )u cannuechiale ;
E po' avia seeItu a hoi
o pegnn particulare!
o altn qnantn lu sole 1
o largo qnantu ln mare J
Bastava cbi fusle statu
Men di yoi la meditane {2}
Le ricchezze in quistu Iocu

,

(2) QIl3ndo venDe qlli il V"eseovo.
(4:) Evviva.

Fussin elle state rare,
E cun 'foi rostra sureUa

)le fusse andata a zappare,
Perchi nun ares5e pientu,

. Fratellu, di quesln male!

{

(1) S'era mariLata pruna d'3VU deposta il brono

pel

Don

50· quaI morte dOmestiC8. Le treece stese nelfe donne S(lnoJn......
_...
.dlzîo ai luttl) ~ come la barba' negti tlomini.
(2) Dallatinomedietas~meta.

3

.

-

~,

( 59 )

( 58 )

La linta di vilriola, (1 )
Fin tantn ch' nita dura,
VeStita da capu a coda.
Fin da mercuri (2) maUina
Eo v'aspeltava quini,
Sempre gnerdendu la strada
S'eiu vi bidla venini ,
Kun pensandn che voi tuste
ln bocca dill'assassini.
Ab chi mi l'..esse delta
La mallin. di :Xatale (3),
Quandn in chi"", di Levie

S'ella fussi pe la robba ,

Per iropegni ,

0

per dinari ,

o cam di la surella ,
Nun Ti lasciavamu andari;
Perch'in su (1) c'era ln finmi,
Ed inghio ( 2) c'era ln mari.
(AUa Saocera).

o mammà , site la meja :
?trera iÎUnrmata di lullU (3):
Era l'erbum frundutn,
Er.! carcu d'ogni frnllU :
Ma per me la srenlurata
,'nn c'è slalu allm che InUn.
Eo nun achin falln letlu ( 4) •
Nè impastatn mancu pane :
Eri sera ci 50 entrata ;

Devu andammine stamane.
Cume me la sventnrata
Mai si ne possa trn\'aoe!
Stamattina mi 50 messa
TuUa bigiù, gioje e fiora (5) ;
Ma mi l'acbiu da levà,
Fralellu, s'appressa l'ora;
Acbiu da ponemi indossu
(1) In ca,.sa mia.
(2) la casa vostra. Iotende mare e fiu(3) Cio dire, percbè il Sua lamento non
me di ffccbeue.
paja alla sIJoeera un rimprovero.
(4) Era sposa di. 23
giorni.
(5) Fiori.

Voi muntaste cnn babanej


1

E poi d' nu' occhiata sola
Boi ci m1este cascane !
Se DUO ri f1lSSi piaciuta ,
Quantu ne darla stamane!
Beslemmià bogliu lu Re,
Maladlln Tribnnale!
Perché ln disarmamentn
Nun l'avianu da fane;
Ln lempn dill'assassini
.!ppunl' è quistu d'avale!
Più temntn di lu foou.
Più stim.ln ( 4) di lu mare J
(il Tintanera.
(2) :\lereordi.
(3) 11 giorno ehe sïnnamorarono.

potente come il mare.

(4) Qui vale. ricco e

( 60 )

S'ellu a'via le 5Ô erme (1),

,

Ume' caru unn avia male.....

Ahi! ch'avà (2) nun mi n'importa;
Fate pur cume vi pare.
A cunlà le 50 bravezze
Nun burla éss'ona donna:
Ci mITebbe esse nn pueta
Andat'a.i Cullegi in Homma,
In manu purtà la piumma,
In testa purtà la comma (3).
S'eo l'ayessiqui dascrire
S'eo l'a.essi da stampaoe,.
Eo burla d'om la piumma;
E d'argentu 0 cafamare :
Per papere di Marana
Ci vurebenu Je piane;
PeT Îocb..iostru ci vuria
Tuua l'acqua di lu mare.
Ciô chi s'è faltu in Tallanu
Nun l'ha faltu mai nissuna.
.Percbè J'ayete ammazzatn
~ Senz'er (4) fattu male alcana?
L'aTete tombu janncente,
Came Cristu onniputente.
(1) Armi.
(2) Or elt'egli è morto Don m'importa più
nulla che S'f1>rOibisca 0 si permetta "oso deU'armi.
{3l Zazzerét;parrocea.

(4) aver.

'



..•

D'UNi\. ZUCCARELLI,
PEB. L·Ql!.lClDtO DEL PADRE.

(Dialetto deI di qua da'Monti.)

Eo ~rtu dalle Calanche
Circa qualtr'ore di notte ,
Mi ne falgu ( 1) cu la teda
A circà per tutte l'orte ,
Per truvallu lu miô vabu ,
Ma li avianu datu morte.
Cullateyene (2) più in su,
Chi truvarefe a ~Iatteju;

{-1 } Me ne seendo colla teda. 'Î'eda, seheggia di pino, aeeesa
che in alcnni \'iUaggi. sen'e di lucerna alla gente povera, secondo rnso anlioo dei montanari accennato da '"VirgiliO ne120
libro delle Seorgiche :

. . . . . . . . . Tœda.s st1t"G alta ministrat,

Pascunturque igrlls fttItlutni, t.t ltmtina {Ultp,unt.
(2) SopraVTiene QD'altentnLe ad.an altro uceiso. ebeeredel1do qnelJo il COtpo a lei caro, si melLe a piangergli aetaotQ; ed
ella le indiTina quest.e parole: Salitevene. _Forina ,iva Dell'idioma de' Corsi. E dicono andatenne e:siinili. To!DUSÉO.

( 62 )

Perchè questn è ln mio vabn ,
E l'aghin da pienghie ejn (1).
Via, pigliatemi n scnzzaJe (2)
La cozzola e ln marteJln.
li un ci vnlcte andà 1 vabu,
A travaglià a San MarœlJn? ...
Tomhn m'hann ln miel vabn,
E feritn n miel fratelln.
Ôr cirtatemi e trisore ( 3 ) ,
E qui prestn ne venite :
Voglilltondemi i capelli
Per tnppalli (4) le ferite ;
Chi di ln sangue di vabu
N'achin caTcn le miel dite (5).
Di ln vostru sangue, 0 vabn,
Bogliu tinghiemi (6) un mandile;
Lu mi 'fogliu mette a colIn

Qnandn arrachin orin (7) di ride.
Eo oolln per le Calanche,
F aIgu ( 8) per la Santa Croce,
Sempre chiamandnri, vahn :
(i) L'ho a pianger io. (2) Grembiale. Par fosse ruuratore.
(3) Cesoje.
(4) Stoppargli. t"biodergli; 'oppare torse
da toppa. doode toppone in toseaoo quel cbe si mette a l'ieeTeTe il 5a.Xlgue che SCOtte. Il toseaoo stoppare par cbe derivi

megliodastoppa.
(51 ~'boearicbelemiedit.a.
(6) Ti.ngere ona p.ezzola.
(i) Ozio nel seDSO laUno.
(8) Sœooo. Santa Croce ebiamasi nei villagi l'omono deUa

conrrater:nila.

( 63 )

Rispnnditemi una voce (1).
Mi l'ham. crncifissatu (2)
Come Ghiesil Cristu in croce·
(i) Sel TOOere ire a morte an omicida in Bastia, sentii un
clome Corso. d'iDgegno italianamente collO. dire : quaIcbe
• e" diri. Dante. .
'foce
Il • • • • • • •

Drin:o al (rate total ",OU, TolQlASÉo.

(2) 'Itan.glio, eh'era nna specie di soppliziO, .,JDartello , e
simili banDO acqnistaw senso più generale. Cosi crocefissO, ed
il com.one Croce. Dante.
.
«::,\00 doyei tu i figliDGli pone a tal croce.
Come da IWo fissalo : cosl qo.esto quL TOlQL\SÉO.

( 65 )

IN JIORTE DI ROllA~A

Qnand'eo lu TOOU eus!)

FIGLLI. DI DARIOLA DANESI DI ZIiA:X1.

Era tu rra le migliori
E le più belle zitelle,
Comme rosa fIa li fiori ,
Comme lona tra le steDe :

llDufD btlla .!Uabrt. '

Mi pare on sole oscaratu.

Taoferi più bella tu
Anou i.mezn a le più belle.
1 gioTam d'u paese ,
Or eœu la miO figljola,
liteDa di sedecj aoni;
EccuIa sopra la tola
Dopa cosi looghi afi'aoni ;
Or eccoJa qui bestita
Co li sO più beIJj paoni.
Co li sO paoni più belli
Si ne Tole perte a.à (1);
Perchè Ju Sigoore qui
:Xun la Tole più lascià.
Chi nasei pe u Paradisu
Astu moudu un po'jmbeccbià.
o figliola , Ju to ,.isu
Cosi biancu e rnsulalu (2),
Fallu pe lu Para.dj"",
Morte comme l'ha cambiatu!

{i} Parlireadesso.

(2) Color di rosa.

Quandu f eranu in presenza,

Pariana fiaccule accesc ;
Ma pieni di riTerenza :
Ta con tutti eri coclose
Ma cun nimmujo cunfidenza,
1\u la jesa tutti quanti
DaII'oJtimu fino au primmu;
Guerdavauu sola a te,
Ma tu non guerdau a nimu j
E appena dellu la messa
Mi dicii : mamma, pertimmu,
Eri tu eusi stimmata;
E ensi pieoa d' onote ,

E poi cnsi addnllrio.ta
Nelle cos"di a Sigooce :
A1tru che divuziooe

,

core.c'

Nun ti si truvava in
Chi mi eunsulerà !pai,
o speranza di a to m.mm ,

-




( 66 )

A,i. chi tu ti ue Tai
DuTe u Signore ti chiam:la '!
Oh! perchè u Signore anch'e\lu
Ebbe di te tanta bramma?
Ma tu li ripasi in Celu,
Tutla festa e tutta risu ,
Perchè uuo' era deguu u mondn
D'.vè CIlS; beIJu vi!ln.
Oh qu.ntu sard più beIJu
Avale lu Par.disu!
Ma quantu pienu d'alfanni
Sad ln mondn per me!
1:n gbiornu solu mill'anni
Mi sarà peusandu a te,
Dimandendn semprea tutti:
La mi" figliola duv'èl
Ah! perchè mi strappi, 0 morte,
Da ln senu a miô 6gliola :1
E percbè di più mi lasci
Quici a pienghie sempre sola?
Casa voi (t ) cb'en f.ccia qui,
S'ella più nun mi cnnsola l
Tra parenti senz'alfettu,
Tra bicini senz' amore :S'en casen malata in lettu,
Chi m'asciuyerà u sadoTe?

~

( 6i )

.

,.

<,

Chi mi derà un gottu d'aequa?
Chi nun mi lascerà more (t )?
-0 caTa la mio figlioIa,
Pensu chi sarà di me !
Beccbia, disperata e sol. ,
Quandn più pudracbin avè
Un'ora di cnntentezza?
Un mumentu di piacè!
S'eo pudissi almenu more,
Cununetusimortatu,
o sperama d' n mi" core,
E pO ancb'eo piglià alJ'iU5Ù,
E trnlatti , e stà cun \ecu,
Senza perdeti ma' più!
Prega dunqne Jo. Signore
Chi mi cacci ,;a di qui ,
o speranza d'n mi" core;

Ch'eouun pos;u sla cnsi :
Altrimenti n mi" dnlore
Un pudrà mai più fini,
(t) Morire.

...

--......•

-

( 69 )

Œ i'lIÜRTE D'UNA GIOVINETTA
DELL.~

PIETRA Dl VERDE.

Questa mane lu miô core

Mi l'hai eus; addisperatn.
E quaI' è chi reggerà .
o fig!iola, a tanta pena ,
Chi mi maoca III res~irn,
Toglier mi sentu la lena '? ••
Or non vedi tutte quante
Le to cumpagne fidate
Chi sO qui d'jntornu a te
Cus; meste e disperate?
Via rispondili UDa "olta,
E rendile cunsulate,
Mettiti lu ta vestitu,
Cara di mamma" 0 Maria;
Vedi chi 50 tutte qui,
~i volenn in cumpagnia,
Chi tu vadi a sente messa
Nella ehiesa a SanfElia.
J

Vu. Jasciatemi passà
Vicinu alla mio figliola,
Chi mi pare ch'ella sia
Qui disté;a su la tola,
E cbj r ahhiano ligata
Di friscettu (1) la 50 gola.
o Maria car-a di mamma
Erj tu la mio susta~a;
Eri tu di lu ta vahu
L'odorosa (2) e la speranza.
Quesla mane si decisa
.l?i far l'ultima partanza,
o morte eus; crudele,
Di speranza m'hai priratn :
l' hai pigliatn III mio fiore,
Ln mio pegnu tantu ainatn :
J

J

(i) Xastro.

(2) n flore. Ma pib. hello. seegliere dal fiore una qualiti. e
la piil eterea. T01QlA..5Éo.

_.
~

t:na campagna della derunta risponde.

Hulemmu falà alla messa ,
Or che r altare è paratu
Di cir,oni e di candele ,
E di neru è circundatn ;
Pereh' u "aIlu la 50 dota
. ~_ Questa mane Jlha stimatu,
~
Questa mane alla parocchia
Ci ha da esse un hellll vede :



( 71 )

( 70 )

C' è la dola di Mària
Di cironi e di caodele.
Un'allra compagna.

·0 Signora 7 n vostre male
Eo CUDOsceJU vuria :
Eo Dun 50 s' è stata rebre,
o ve.ramente etisia.
Ob Chi male incunusciutu,
Ch'umi "oîta un si vidia !
Dnve mai r ete ( 1) pi~liata
Voi 13 morte, 0 IDia signora?
Sempre stavate in carrega (2:),.
o usciate a spassu fora;
Ed a voi la vostra mamma
Non vi facia mette tola (3)Bipiglia la madre.

Qnesta mane a Saot"Elia
Un bel 60re io gli presentu ;
Un bel màzznlu ( 4) gli don,!
Caricu d' ogni omamentu:
Con un dODU cus!.hellu
Credn resterà cnnlentn.
Pregà bogliu la Maria.



(1.) L'a.,-e.\e.
(2.) Sedia.
(3) !'iOD fi Caceva apparetchiar iâti"ola.

(4) AJauolino di fion.

-

e

Pr"" bogliu ln Signore •
....
Chi stamane io me ne vada
Abbracciata alu mia fiore.
o Mari, cara di mamma,
Chi mi crepa ln mia core!
Le to dodeci strapunte
Con le TIntiquattru anelle ,
Qnal è cbi le gnderà.
Fiore di le giuyanelle?
Nun ci resta più OiSUDU
Nè frat.lIi , nè surelle.
Du,'e si ne SODO andate
Le to guanee cuJurite,
Ch'erano culoT di rosa ,
Ed or sonu impallidite ? .
Oh la ladra di la morte.
Chi ti l'ha si slrarourtite!
Morte, fammiti veniTe,
E fa ch·eUa sia finita :
Ch'eo ti pregn per pietà
Chi tu mi tolga la l'ita ,
Cbi stamane eo mi ne vada
Cu la mia 6gliola uuita.
Lu paese di la Petra
Slamane è in confusione :
Pienghienu..dirottamente
Tntte quante le perse.. ;
E lu, cara di la mamma ,

.

J '.
,.

(

7~

)

Ne si tutta la cagione.
Nnn vCdi le to cumpagne?
Per te so cnsi amurose ,
Chi li lavanu lu visu
Di lagrime dolurose ;
E tu le voli Jascià
CUSt meste ed affannose!
_Chi è 'ndata a eoglie li fiori;
Chi è 'ndata a piglià la rosa (1) :
Ti œsseno la ghirlanda
Per curunatti da sposa :
E tu ti ne boli andà
Dentru di la cascia chiosa t
Quandu tu surtie (2) di casa
Tu sparge"fi moltu odore
Cu li tO ~oni costumi,
Chi lampavanu (3) splendore,
La morte li s'ha pigliatu
In lu là più hellu fiore,
Quantu ci sera suspiri , _
Oh quanta ci sem pienti ,
Quand'eÎli la senterann
Tutti li nostri parenti! ....
Ma nun la phienghimmu più;
Surtimmu'dl stU dulore;
{.f.} Per il plurale. OratiO"". mulla in rosa.
{3} Gettavano.
i9-) tSC!.-Vi.

( 73 )

.'
Chi la nowa Marillcc, ••
Or è sP!'S" d'u Signore :
Serà ricevnta in Celn
Stamane cun tanf ODore.
Sentu di ora pro ea
Intornu a Santa Maria;
Perchè afale arriva in piazza.
Figliola, la cumpagniJ ,
E li volenu purlà
ln chiesa di S.,rElia,
Or en vnrria lalà
Con tutte a lu campu santn :
Ma Dun ci possa arri,"à ,
Chi nun possu reghie (1) a tantn :
SoIn ti yogliu mandà
DaJJ'occhj un fiurne di piantu.

........... (1) Reggere.

-

( 75 )

DI CA.:aCBETO D·OUZ2..l..

Vocero ~tlla 1lta~t.

Este dettu lu rusariu, (1)

E mi sonu ripnsata;
80011 junte le Signore
Qui per bede a miti spusala,
o Chili. cara di mamma,
La miti yella e spimpillata (2).
Oh più bianca di la neye!
Oh più scelta di lu risu! .
U sO corpu é nantu a tola,
E 0 sO fiato è 'mparadiso.
o Chili, cara'di mamma,
Y'hai lecatu (3) allïmpruyisu.
Oh 10 miti jallu ( 4) di noUe!
Oh culomba di mattina!
Nun si desla più stamane

A miti YOna e paladina,
, Sn finite totte nehie (l)
Le ronezze di Chilina.
Ella un mi mandara a l~&nc
..A. mulinu, nè a funtana;
Perchè a me la miô 6gliola
Mi tenia da piuva?a (~ ).
L'ha leyata da slu mondu
Or la morte subitana.
Indé la mio rnani·yella (3),
Oh diti-dicclliuccolata ( 4),
Quand'ella face. l'.ncrncca (5)
E l'incrocca e la cur.ta (6)1
Ah ! la ladr" POOanell. (Î) ,
Cusi in furia a s·ha pigliata.
Ch'io 3'fessi dd restà sola
Cusi prestu un la cridia.
Oh quantu chi feri festa,
Qu.ntu chi ferd allegri.
Anoade. (8), ptgno di m.mm.,
Chi li mandu cump>,,""i.!
Duy'ell'h. d'.ndà Chilina
(f) Oggi.
(2) Come uo pienoo.
(3) Bella di mani.
(4) Colle dita svelle e snodale.
(;S) Il nodo al ruso.

.
'\ .
(1) Le donne, che sb)nno inloroo alla lolo, dlcono l rl\5ario
e quindi danoo principio ai voceri,
(2) Bella e brillante. da sp;mp111are. briUare.

(3) Lasciato.

(4) Gano.

(6) Go~iata, ossia lrsua di filo dalla recca ~no al r~.
(7) La morte. Corse cosi chia mata • perché SlGnge plllrlO e,
come si saol dire. in punta di piedi.
(8) Altra figlia. sorella di Cbilio3 .eh'era premo~.

( 77 )
. ( 76 )

Or este un pessimu lacu :
Culà un ci nasce mai sole,
Un ci s"accende mai fooD.
o Chili, cara di mamma ,
Un ti viderachiu in locu (1).
Tu nnn anderai più a messa ,
À rusariu , nè a duttrina (2),
o Chin, cara di mamma,
À mi6 vella e paladina.
Oh quantu chi mi dispiaœ
Chi mi lechi dummatina !

T'hanu liatu (1 ) le mani :
T'hanu liatu li pedi :
Disciuglimmuli 0 surelle ;
Ch'ella mercb,a (2) vulinteri.
J

(Go'allra donna).

Zitta, zitta, 0 Maddalè,
Ch'eo Ji vogliu fa una cbi-amma :
Ella rispunderà a me,
Forse più ch'a la 50 mamma :
Chi pienghiendu a lu 50 capu
Cusi dulente si lagna. etc.

(UDa donna entrando oella sala ov'è la defunla).

o via arrizzati ,

Chili,
Ch'a jumenta este insellata;
Cullemmucine a Carcheto,
Duve tu sarai spusata :
Chi le puhhliche (3) 56 fatte ,
E pronta è la cavalcata ( 4).
Un ti movi , un dici nunda (5) •
Ed a nimmu più nun bedi '?
'0

(iJ Le" .".
.

(i t In Desson Ino;o.

.
(2) Catechismo.
(3) 1>enunzie di matrimonio.
(4) Qui signifiea il corleo Dnziale che si fa a cavallo, per
condUITe Îa SpOS3 nel vîllaggio dello spQSO. ln qnesta cavalcata, l pm esperti cavalieri faono la corsa sfidandosi a chi arriva Rrim.o al "illaggio per ricevere lechiavi di cas:!. e presentarlê aUa sposa. Le cbiavi di caSa simbolo della padronan za
-dmnestiC3.
(1$) 1'\o11a.



(2) Cammina.

(79 )
U!:1

ii'il®2~~

<DU

W~ 88~!D']ü'®

Accu.sato del yalto d'una giovine, il quale, dopa 4ver
ucâso' alcuni soMati deUa Compagnia che la
Gssediava in casa della donna rapita,

uccise se stesso,

·tu pudïamu inguadrà(I).
EUa a le I.vo lu fiatu,
E a me m'ajuta a imhecehià.



••••••••• # •••••••••

o carn di la to mamma ,.

boetro lldla 1llallrt.

"0 Lucia la capl-vana,
E di pocn seotimentu,
Àncu conlra a lu to sangae (1)
Ordi (2) lantu lradimentu?
ma:ldasti aUa campagna
- CUD assed:iu e patimentu.
Quand'eo ti vidia pigliane

.t,Lu

La to zucca, e lu pilone',
La lerzetta , eJu fucile ,
lli seatia ghiaccia ln core.
o Savè.., carn di mamma,
E nun crepu di dulore!
E lu noiue di lucia
lu pudïamu chiammà ;
o Savè, caru di mamma ,

o

(f) Pane in



(i) Pare cbe la donna rapita fosse parente deI rapito.re.
(2) Ordisei.

.,

Lu to vahu è a coUu tortu;
Rizzati, III mio figliolu ,
E dalli qualche cunfortu.....
Ab! ch'io pienghiu li to panni ,
E nun vedu lu 10 voltu (2).
. 'Ti ten'iamu lu frenu ,
Perchè tu non fessi male;
Perch'a'fïamu la speranza
Di pJldelti liberane ;
Ma e to paci , n mio figliolu,
Cnmincioronn eri mane.
Sarè , lu mio figliolu ,
Eo ti yogliu dà un cnnsigliu (3) :
Pens"u a te , caru di mamma,
Dunde passu, e dunde en pigliu ( 4) ,
Djyentatu è lu mio core,
00 qoadro.
.
.
(2) Il cadavere ua in al1ro villaggio sotto la cusw<ha. dei
:!:endarmi.
- (3) Parla al figlio come (osse vivo ~ e ripete i coDSigli cbe

solen dargli.

.

.

..

(.. )Qui nIe pigtiar la strada, andare : doYUnque la m anll.

( 81 )

( 80 )

Cume un gromb~io ( 1) di inigliu.
o -Sa,oè, carn di mamma,
Tu di nimmu un li fidà.
Fioghierebenn d"amaUi;
Ti pntrebenu ingaonà :
Ancu ra/tri ti faranu
Cume ln to zin Don Ghià (2).
Benbenuta insigouria !3),
Bai 0 Sigoora Jacinta :
La causa di u mÎô 6gliolu
Istamane l'emmu ( 4) nuta;
Della casa di.....
Oghie la candela è slînta.
Eo a boja/ue Signore
Bi chiedo • totte licenza :
Bogliu scende a San Ghiuvanni (5
Chi ci aghiu la mi'> speranza.
o Sarè, caro di mamma,
T'aghiu da brammà abbastanza.
La to mamm. scunsuJata
T'ha nudritu, t"ha ingrandatu :
Eri (6) dalle to ferite

Lu 50 san,,"1le s'ba succbiatu :
Quest'è il ben cbe deria arè
Da U 50 figliu tantn amam.



(Qui iDterloqnisee ana

c~"i.na

deI defw:llo}.

Mi teDgu marangliata
Ch'eo nnu bolti di cerrelJu;
Perchi recu li nimici
Qui da nantu (1) ln portelln:
Nun 1'ogliu pienghie cuginu;
BOgliu piénghieli fra1elJu!
(Prœiegae la madre.)

r;

Dissi : 0 cumpare Taddeo (2),
Fale roi quel chi pudete ;
Si ben ch'ellu abbia mancatu,
Voi 10 compatiscerete :
Qnantu meritu da Dio,
o cumpà, chi 'arerete!
Rispose lu miô cumpare :
Eo ferachiu quantu possu :
50 di li Paganellacci (3);
Persuade eo nun li possu.
(i) sopra.

(i) u~ graneUo.
(2) '["'DO che 10 al'na iogannalO.
(3) Beovenota l'ossisnoria, cosi diee salutando ona Signon. eh$lra..
(4) L'avemo, oabbiamo.
{l5}Lnogo o'f'era morta il Gglio.
CG} Jen.

(2) B.ammentando le eireostanze dell'assedio prodjlOrio coneertato dai nemici conlro ilfiglio. qui parla d'un tale che s'era
interpOSlo in (lueU'oecasione col litolo di pacere ua il figtio e
i nemiei.
(3) Parenli e partigiani della famiglia nemica-.

( 82 )

( 83 )

lIannu a yolpepcll'asceUa (1)

Ci serà croce d' onore.....

en lu sn martellu addossu.
Ln sapiann li Buoelli (2)
Lu sapianu li Marencei (3).
Si I"al"ianu capita,
Ci ruliamu falà tutti,
Carchi di munizione
E di poIrera e eartucci.
Oh lu mi" cane di posta!
Oh lu mi" fieru lenne!
l'iun seria ( 4) firmatu a quatlru,
S'eilu a't'ia mnnizione :
L'ayeria lampatu in terra
A. Taddeo lu gran latrone.
Duv'è lu mio curaggiosu?
Ln mi6 campi.one dO'f"è!
Benchè tu fnss; zitellu
Si begliutu (5) quanfe tre.
Quandu nun padesti pinoe,
Ti tumb""ti(6) da per te.
Per avè traditu a te

(f) Âver la 'folpe sotto l'aseella equivale al proverbio. a'fer
il diavol0 neU'ampolia. e signifiea esser rtrrbo e triSto.
(2 e 3) Casali dei partigiani dei nemici.
(li) ESU nOD si. sarebbc fermato a QuaUro, tioè ad aceideroe
soli qU8ttro.
.
(:S) Valoto.
16) T'ueeidesti.

o Savè, lu miO fig!iolu.
Mi sentu crepà lu core!
Mi sn tumbata di piantu;
Ma tautu(!) nun possu more.
(i) Toto. qui é anerbio. e Tale pure: lUoJ dire. COD tanto

"

pianger:e non posso morin.

( 85 )

VOCERO
D'una giO'Oi~tta del comune di T osso deUa pine
di Zicavo, per un SUD (ratello, maestro di
scuola, che mari lontano daZ suo paese
durante un'inllernata rigidissima.

Qnando junse la nUfella,
Chi per oostra mala sorti ,
o caro di la sDrella,
Ti dicia speditu amorti ,
Ghià la neve a la montagna
Cbiusu aviltntti li porti.
La snrella appassiunata
_-un pao mori (1) di dnlori :
lInn li ha podnlo ahbraecià,
E si sente andà lu cori;
Scatinossi ancu stamani
Quest'infernu traditori.
.E nun pndia a1menu
Esse morln an 10 paesi
ln braccio a la to sunna!
Oh morti rosi seurtesi!
-..,.(f}Morire.

Tu l' ODore di la pieTe,
Rispettn di li parenli ,
Sempre arrubari lu cori
DeIl'amiei e cunnusœnti.
Questa mane ume' fratellu ,
Ci lasci Inlti seuntenli.
Perchè stai eusi mulu
Da ricacci dispiaceri?
Lévati, In me' CratelJn,
.!dempi a ln 10 dnyen :
Nnn ti mancanu sprissioni
Lu me' degnu cafaglieri.
Lu me' fioT di primnera
Chi spnntava a la campagna ,
Lu fior di li zitelloni,
Ch'adornayj la mnntagna,
Di la to morti, 0 fratellu
Ln paesi è Intln in lagna.
Quel/u -jomn chi spirasti
A..dunisti i to sculari ;
Aneu a1lora I"ammunisti
Cu Ii to cuosigli Tari:
Per la "ia d'a Paradisn
Li sapisti iodirizzari.
QnaI sarà slata la freoba
Ch" ha truncatu la to vila ?
cam di la sarelia,

La me' amandula fiurita,
J

o



( 86 )

IN MORTE

Lu me'impastatu di meJe,
Fattu cu la calamita.
T'avia Cattu la natura
A lu torou, a lu pinnellu;
E la Cadra dl la morti
Ti pigJiô cusi .itellu.
Nun c'era coppia si carn
Cum'eiu e lu me' Cratellu.
, Gente di quistu paese,
Or prigheti (1) qui di cori
Pe lu me' carn Cratellu,
Perch'a tutti slava a cori
Ch'elln godi in l'a1tra vita
Cu li Santi e lu Signori.

DI GlIO:4NDlB.IlA ACGVAVilVA.
ABATE Dl LOZZI,

tlouro ~tlla 50reUa ~;l ~efunlo,
( Dialetto di 1\iolo. )

Stammatina, e mio surelle,
Site qui tutte invitate :
S'ba d. Cà J. Cantamessa (1 )
Di Gbinvann'Andria l'Abbate;
Or purtate le salviette :
E li piatli e le pusate.
La ParrOCChia dill' Acquale

(t) Pregate.

Resterà tutta invitata.

Ha da Cà la Cantamessa
Ghinvann' Andria aspettala :
C'è li preti, e la madrina ;
Ci serà4messa parata.
Ma vo' avete chiusa a bocca;
 nissuno date ud-ienza....

l

(1) La prima tnessa. e()Si della perchê è ca.ntata. In questa
veeasione V'è grand'invito e banc.be:.to.

( 89 )

( 88 )

Avà si po' chi ei vetU
Chi di 'foi ne simmu senza~
Or pnnimmu a mente a segno ~
E parlemmu in pusitura;
Chi stamane Jann' Andria
Ha d. sœnde in sepultura:
E li cnsciamu a pianeta
E la veste di lonsura !
morte ioiqua e crudele ,
Tu Dun hai cumpassione:
Veramente tu Si ceca;
Nun bai gherbu nè ragione :
Haî lasciatu qui li fusti,
E t'bai piglialu lu fi~re,
Fu di Manu ia sn morte A principiu di verauu (1).
S'è firmata la ri.... ( 2),
E si n" è andatu 10 granu.
Sarà que' l'ultima mane
Ch' io ri veeu u ealge in manu ( 3).
Più nnn bogliu andà a rusarj
Nè senti la campanella.
Eo cridia di sente messa,
Caro, a la vostra cappella.

Di doJore non pO more,
Fiore, la fostra sureHa.

Chi portcrà la cappeUo
.!. tre piozi a la rumana,

o caro di la sorella,

Fior a'una Corsica san. (I)?
Più nun m"ogliu (~) ralligrà
Quaodu .$Ontu la campana.
En l'altreri "idi • mamma '
Ch'aduprava nu ingegnnl. (3) :
Scuzzulava li 50 paoni ;
Chi li rode la lignola.
Un ,,' è nimmu da purtalli
Più persona para soja.
Per me nun c"è che dulore,
Nun c"è più ghiornu di resta.
Or pi.ttaœ sa (4) cullare ,
E slra<xi.lel. sa (5)
Di tant" omini di ragtia
In s13 casa chi ci resta '!
A ehi mai rele(6) laseiali
Tanti libri, e calamari,
o la pompa di :'iiolu

o

".,-ta.,

J

(t) lntiera.

(2)

~OD

mi l'oglio.

(i) Primavera.
(2) Bigbena. 0 riezza la mondiglia deI grano.

(3) StrumeDLO, e qui s'indeode spuzola.
{.i) SusiDeope di qutsm. eotesto.
(:i} Sa. eotesta.

{3} 11 calice che si mette in mano a' saœrdoti ddonti.

(6)

"'"ete.

( 90 l

o lu 60r di li scularÎ •.

W'~(Qlllli~

Voi, 0 riccu di custumi

1lI MARIA FELICE DI CALACUCCIA,

Di talenti e di danari?
Voi. 0 lu miô carlabianca (1 ).

IN MORTE DEL FRA.TELLO.

Culuritu come u vinn ;
Nun pariate muntagnolu;

( Dialelto di ~iolo. )

Ma panate citatinu.
Lasciatemi di • 0 surelle.

Perch-'eo pieoghiu u mio destina!
'Cumpatitemi , 0 sureDe,
S'eo 1j parlu dïgnuranza.
Ci yurria un pozzu d'inchiostru,
Di carla piena ona staoza ,
E poi tulle ste parole
Andà a méttele a la stampa.
A bidecci in Parad"isu,
Ore si sta in fe:.-te e in canti.

Erate senu di Dio,
E starete cu li Santi :
Or preg~teli per me.
Chi mi restn in doglia e pianti:
(1) Bianco come la carta.

.

Eu ttIav3 lâ mItl Ïocca ,
Quandu intesu (1 ) un grau rumore:
Era un colpu di fucile.
Cbe m'intruoô nu lu core
Parse ch'unu mi dicissi :
Corri; u to fralellu more.
Corsu in camera suprana,
E spalancaju la porta.
Holivatu indu lu core (2),
Disse, e eju cascaju mQrta...
5'allora nun morsu ( 3) anch' eju
TIna cosa mi cunforta.
Bogliû veste li caizoni ,
(i) Intesi.
(~) Ho preso il colpo nel cnore. In
questo seDSO dicono i Toscani rilevar mazzale 0 busse, e nIe
toeearle, bllSCarle. Cosi il Lippi.
» Non "0.01 tenersi mai tanto sicara
» Cbe rilevar non possa delle paeebe.
(3) Non morii.


( 92 )
Bagliu cumprà la terzetta.
Per mustrà la to camiscia
Tantu (1) nimmn nun aspetta.
A tagliassi la 50 rorba
Dopu fatta la bindetta.
A fane la to biodetta
Quale roli chi ci sia ? ...
lIàmmata vicinu a more?
a to surella !laria?

o

Si Lano Dun CFa mortu 7
Senza str~ge Dun finia !
D'nna ralza cosi grande
Lasci soI!l una surel1a,
Senza cogioi carnali
Pavera, orfana e zîtella.
Ma per fà la to bindetta,

Sta siguru, basta ancb'ella.
(t) Tanto qui yale perchè, il senso è: giauhè t'lOn-vale
"UmM la tua camicia insanguiMta per indurre qurzlche
congiunto ad aspeUare a ra.tÙrsi la burba > fimhè sia (aUa la

~h'io

t:endetta: 'Ottol dire eh'essa Don aveya coogiunti.

DI GIA1IDIA'fTEO E Dl PA.SQUA.LE,

CUGI~I,

tlDccrD Mla sartlla ~i @). 1llattzD.

o

Matteu di la surella ,

D'u tO saogue preziosu
N' hanu lavatu la piazza,
r;' banu bagnatu lu chiosu.
Nun è più tempu di sonnu ;
'Kun è tempuda riposu.
Or che tardi, 0 Ceec' AntO ( 1 )?
Ordili (2) trippa e budelli
Di Ricciottu e Mascarooe (3);
Tendila lutta a J'acolli.
Oh! che uo numllr di oorbi
Gli spolpi coroe e nudelli ( 4).

o Dummé , lu me'cuginu ,
Armati , e lanne nn spayecchill (5);
Chè si so spaccbiati (6) io piazza;
(il Frat.ello dell"aeciso Pasquale.
(~) Ordiscigli. intreceiagli.
(3) Sopraonomi degli uccisori.
(4) Giunture.
(3) Un esempio. uno spettacolo spa,·eote,·ole.
(6) Spaceiati, nnlati.


( 95 )

(_94 )

Hanu detIU cbi si becebiu :
" .A. e minacce di le donne
Nua li dannu manco oreccbiu.
Via su rizzatî, 0 Pasquale;
E tu nzzati, 0 lIatteu....
Abi : sô seeebe le funtane :
E finiln lu papeu (1);
Ché stamane li nimiCÎ
Ci banu meSsu a u sa disèu (2 )_
o Malleju ume' fratellu,
o Matteju u me' faseianu (3),
Onestu pudia yedellu
L'ao passatu di .-erann (4)
Cbe spiantonu quellu muru
E taglionu a Campu-pianu (5 )_
Xun pieogbite più, snreUe,
Fate Un cor di Faraone:
Ingrandatemi a Carlllccin.
Cb-ellu sgolti (6) a :lIasearone,

(1) Carla; e qui an peuo di carta tonda e bianea cbe
serTe di segno al tiro deJl"armi da raoco: ta donna si lagna
che tUtti qnelli della Sua famÎ!rlia erauo stalÎ segno ai eolpi
deinemicj. (2) Desio,desiderio. (3) F~giano.
(4) Di primavera dallatioo ~er. XeUa primanra dell'anDo
innanzi i nemici ave::mo dato raniso ossia 3yeanO dicbiaralo
inimieizia a Giammau,eo col diroeeargli il mUro d'UD ehinSO.
(5) Tag,l.iaroDo gli alberi.. Cam~pial!o. Dome di luoeo.
6) Sgo«ioli. dissangui. dal b:tiDO gutta.
-



1

Chi lnmbô prima a Matteju;
Poi feri Francescanlone,
So mute ancu le campane ( 1),
o .\Iattè, lu me faseianu_
Vider possa in un spurteJ]u
La civa 2) di ln Pinvanu ( 3 );
Ch'co la .tracei eu li denli
E la palpi di mia manu_
Nella casa di lu ( 4) prete
Lu diafoIe ci sentu,
Pretaeciu scummunieatu,
Cane rodi-sagramentn,
Ch-ellu si ert'pi d-affanou
E di spasimu e turmeatu l
Cusi paga Ji dan'ari ,
Che babà sempre li dora,
Quand-.!.ndria Barba-in-orecebie ( 5)
A le seole lu mandava?
Li ne (6) perduno nna parle;
L'altn poi gli li negava.
Ouesti so li seudi biancbi ,
Di babà sô le pinnate

(1.) Perehè il eurato era parente degH ueeisori.
(2) Trippa.
(3) Il curato nemico deU'oceiso.
(4) "Del eurato.
(3) Saprannome di Aodrea. pa3re.del
carato, torse perchê barboto 6no all"oreechie.
{G} Si sottintendemiopadrt: il nominatiTo dei "erhO se·
!QeBte è il prete.

J

( 96 )

( 9i )

Quelle che per ellu scrisse
A taulinu ( 1) le nntlate,
Perch'
que,-t. ('2 ) cura
Da sf.mille shancalate( 3)~
Che t'avia fallu :lIatteiu.
l.dr.cciu Mascarone?
Hai pensalu ch'ellu fusse
D••aru di SaufAulone ( 4) •

E huriaDu hede l'aIlri
A li sn slracci ridDtti,
U diayole nuo faccia
Che l'oromu di tantaiente (1)
Un si picchi au<lU d'onnre

,,,"se

o

scu.ntà le me' lamente;
E se hui DUO la farete ,
]\-an sarete da nieote.
Oh s'eju ayessi un figlioln!
Oh s'eju ayessi nn zitellu •
Â.

Per eampaUine la yita ,
E'per fanne un bon bucconet
Un pensale che Matleiu
Vi passi per Ghiaoarone. (5 )
Ladru contrase::,&na-boi ,
Usu ~ fâ lu compagnooe ( 6 ) ,
Omn a ,endesi in galea
Per uo pane di graDOne ( i J,
o Matteu, chi purterà
Tutti li to camisciotti ( 8 J?
:K nn en cume sti ladri
Che uun hanu ehe piUolti (9),

E tagliammi u mîo grembiolu
Percbè mai Dun si scurdasse
Ln sangue di ume' fratelln
E quand'eliu fusse grande
1Îe facesse lu rnacellu!
Che più tardi, 0 Jn<an Pè (2)!
Cinghiti un' arma trnjana ;
Bindieate n oostrn sao.:,aue,
Onore in 'fita in morte lama,
Di sangue senta nna sete,
Di morte sentu nna brama..
J

J

(t) Al ta'folino. allo serittojo.

('2) Qui pe. Plebania.

(3) Doone di cattiTo eostame.

(4) Bar che taeci indirettameote cos'toi d'essersî appro--

pri3to qwlcbesornroa de.I daoaro di ('hiesa.
(3) Uomo deUa Camigtia oemiea il cui omicidio era stato
impUlato ai parenti della vouratrice. Gbiaearone, sopnnnome ;jàcaro. cane, parola d'origine araba.
e6) J);racciaot.e. Domo che lavora pe. eoDto altrni.
(i) Di grantarco.
(S) {;amlce coUa gala.
(9) Cenci.

J

Falline un sottahitelln.

(STienere a poco a poco s'addormenta pei si ridesta e ripiglia :}

o Matteu di la surelia;
Mi Q'agbiu pigliatn 00 sonnu.
(t) Parentad&j. Camiglla nel sense che d3'faDO i fatilli ;illa

parola Q!flS'

" (2) FrateUo di Pasquale, uno degli neeisi.

1)


( 98 )

( 99 )

Or cun te bogliu restà
lagl'imandu fin a ghiornu :
Eo la 50 ebe stamatioa
Si ne va lu me' culombu.
Cum" è tinta lu me" COfe,
Bagliu tingbie li me" panni.
Per te, Ghiuvanni Matteju,
Chi ne pagberà li danni?
Chi scunterà le me' pene,
E tutti li noste! affanDi L ...

Ch'elli compjinu li Rieci (1),
E ehe Jascino i si> stanti (2 J.
Balla mai bista nisunu
Tumhà l'omi pc li canti (3 J?
Or rideteyine pure,
Brutte porche hagattelJe,
Quai sarà IrHoi I~ prima
.A scuntàle mé candelle (4),
E a pien9 di l~ soi
lüe

Orpiattate li friseelli (1),
E stracciate le gri5œUe (2) :
Hanu tiratu di piombu
A. Matteu œlle cenelle,
A. Pasquale ne' polmoni
Peghiu ch' a le passareUe,
Hanu tiratu a li vostri •
Haon tiratu a li me"Ï;
Hanu tombu li Piretti,
E feritu li Taddei ;
E l'eseqniedi li nostri
A.,A si> li 50 trofei,

Prigà b<>gliu ln Sigoore ,
E prigà bogliu li Santi

(1) 1 nasl!'i.

(2) Le trine.


1

Voecbi inv-izzati e la pelle?

Vi sete affaccate tulle ( 5 J
(i) Cognome dei nemici.
(2) ) beni acquistali colla stento. ossia colla Catiea. Ccmpino da eompiere~qui Jo senso nenlro vale finiseaoo. periscano
fin ad aDO.

(3) Perinridia deI canto di Giovan ?tlatleo, baon canwre.
(4) Lagrime.
(3) Ci perdoni illetwre se abbiam talvol18 eonservato siŒatt.e
strafe in qnesto saggio di caoti deni impropriameDte popolari.
Questi ed alcnni ah.ri passi CODsimili varranno, se DOn alLro,
a dimostrare qailDlo sia cosa eomoda al poeta, il diseendere
all'abjetLO ed al troce, e qU3.nto sia l'acile al romanziere storico
. il calonniare. anche senzll ,·ofulo. ana nazione togliendo dall'infime classi della società eerti abjetli costnmi e certi yiJi sentimenti e rappresentandoli al pubblico quasi fossuo comuni a
tntto il popolo. [)el eesto, a propOSiLO d'alcuoi modernistritlori cb'or han preteso di mettere in pregio qnest-o modo di poe.
lare. leggasi, a caglon d'ese.mpio, quel dialogo da betlola fr:l
Sînooe e Mastra Adamo. esposto dall'..\Ughieri nel canto JOmo
dell'Interno; si "edrâ COD quanto stono i'Vi Dante per bocca
deI suo maestro Vir;.ilio abbia ripreso se st.esso per essersi
fermato ad adire qaeUa piazzala:
li Or ra ragion ch'ia ti sia seropre a lalo.
l) Se più aYVieç che fortnna t'accoglia
»Oye sien gente in simig!iaDte piate;
» Chè voler cï.o adire è bassa 'Voglia.. »

( 100 )
QIIesta mane, 0 Filandrine (1) :
Eppnr Ti faciale onore
A fam le concubine,
A
totti li nostri ,
A passà le seratine.
Eœn a prete J nvan-Santo,

sem

L~

MORTE

boetTa lltUa Surtlla,

.Eccn jODghie ume' cuginu.
Haimi portatn a Matwjn,

Ch'un mi ne da nova nimu!
L'hann presn li Mafrini (2)

Razza e sangue di Cainu..
Tanti preli e tanta jeDle
Perché henenn semerati!

.Forse nova han di reœnte,
E sn ghiunli preparali !
Qnestn é l'ultimn cimento :
Matté, semu aranzali (3).

o
(t) Filatriei.

(2.) Casato 0 soprannome degli aeeisori.
{3} Vuol dire : è pii! tardi eh'io noD eredeTa : siamo !lannû., eioè viciDo all'esequie.

Ch'ella struca (1 1la 50 razla ,
.
E quantn li ne dipende.

Amm;zZëiste ume' fratel1u,
Che facia le sn fa.œnde.

n'unde !oglia eUn venissi
Vo' l'al;ate messn e tende ( 2 )
Tottu ciô ch'éguaitatu (3)
toslo 0 tardi si prende.
Eu nun parin quaré stato,
Né qui dieu quaJ eII' é.
Lasciu O:,"Ilunu in casa soja,
Lasciu ognnnn in sn tené ( 4 l.
allissimu Gesù,
Lu rimettn tuttn a te.

o

o

(i) Si strogga.
(2) C-a'cce. insidie.
(3) Insid-iato. suaitato, da agguatoJ 0 and questo da- queDo.
{ 4-} Net suo s13to. 0 come si dire ne' suoi panDit

( 103 )

( 102 )

Qual'è statu cb'ba tiralu,
Ob lrista! ala me' candella (1 )1
Oh se pude<.si ariyallu,
E passaIlo di cuJtcna !
lIatteu di la surella,
Sarai triyell. (2) di senu.
Ti f' aria ridetta tantu,
Venti 'folte erann almenu.
Cbe 'ndo core di sli latri

Or ar'à m' ogliu vultane
10 ,'ersu a lu Fiuminale ( 1 ),
Versu durell me' cuJombu
Si lascié> le piume e l'aJe,
Camminandu pc la strada
Seni aré mai fallu male.
La morte. è heru • t cumU:le;
Ma quest'i: particulare.

o

~ :fun

~ un

ne possu pi" discore (2);
Cbè mi creste troppu n dolu ;
Percbé di cinqoe fratclli
Macbe (3) dui oun mi ne tron!.

L'a'fete tru"atu dolce
TI saogue di Pelracchiolu ( 4).

o

mu aecinti di geodarmi)
Di su!lati e di sergenti :
Sgotta!lo (5 ) li me' frateUi,
E ci sgrigo.no (6) li denti.
S'ena bene l'occasione ,

°

.

(3) Mache, rnorcbè 0 più che. anerbio derivato dallaunO
magisquam. e csaLO da Dante :

• Einoa avea mach"una oreecbia sola. A
(oi) ~ome deJ p3dre dei morto e di chi piange.
t3} Goctianosangue.
(6) Digrignano.

Mi punghie rocchi la notte!
A siccammi ln me" fiore
Ci ynJi.on tante Yolle ( 3)1
Ajulatcmi, surelle: .
Mi seotu le yeoe rolle ( 4).

Si l'edrà. se siam cuntenti.
(i) Laogo o,"n frateIlo en Slato ueclso....
(2) DiscolTtre~ parlare.

ci staya che belenu.

Oh cb'imbidia mal.della !
Una pesle li di,.ora :
Slanu sempre • la veletta;
Nt ci lascianu esce fora:
Tempu è da fanne vindetta ,
E mandalli alla malora.
Mallè, cbe slrappa-eore

.(1)
(2)
(3)
(4)

Gocciola. cb'è parola di carena.
Sneebiello al mio coore..
Fu nceiso da DOloe colpi di Cacile: 1iotfe pee boUt.
Come se Cuita ancb'io,
sangae m'oscisse. Dante:
» Perdei le vene. e il polso. »

e'

( 105 )

A fà lu rechi-casali (1 )?
Fjn di li femiDeJii
Era· sola a lu fuenDi ('2 );
Eu li me' cinque frateIli
Li pudia tutti dispoDi.
Avà si chi l'achiu perm
Lu dirittq di ragioni.
Bogliu tingbiemi di nern,
,M' Dgliu poui li falletli :
Nissun segnu d'alegria
Mai più mi vogliu metti
Pe li me' ciDque frateJli ,
Bahhu e mamma, chi 50 setli'
E pO vcgliu maDdà iD Ascu (3) '
A. cumpril lu ncgru fnmi :
Bagliu tinghiemi di oera.
Cnme d'un COrTU Ij piumi.
La me' \;la sœndi e cor-i
Cnme l'acqua di lu fiumi.
Nan videli fi me' occbi '1
So tDrDati dui fUDtaDi
PC li me' dDji fralelli
Appaehiali iD una m"';.

D'UXÂ. GIOl"IXE

PER DUE SUÛI FRATELLI
UCClSI l\ULO STESSO GIORNO.
Dialelto mi5lo deI di qo.a e deI di là da Monti.

Pi~ru!

Oh le truncate \ 1 ) di
Oh le sb.cc.te ['2) di Orazinl
N'hanu fattu un gran flagelln
Ind'. piazza • S.D RraDcariD.
Di lu sangue di li nostri
Or AI tcheJe sarà sazjn.
.1Iorte. 0 morte. tu scià tinfa,
Chi ci hai fattu taDtu mali 1
Una casa eusl piena
L'bai ridotla a uidicali (3).
Or este tnccatu a me
(1) Brante, tioê gesti d'nomo che va braveggianao, e dimenandosi',.qnasi ayesse le giuntare troneate. 0 faue a Tite.
(2') Spaecate.
(3) l"iidieale, ebiamasi l'endiee, ossia quel solo 0"0 cbe si
!aseia nel nido della gallina, acciô le serva d'indizio.

~

t! La persona che regge e perpetua il casa!e. il capo di fa-

mlgba.
(2} Al foeolajo, qui in seuso di ramiglia.
(3) Asto, comane della pieve di Caccia, abbonda di le{ne
re5i.Dose. che senono pel raoco eJlcllame.

.

5~

( 106 )

IN MORTE DI CANINO,

Or bann ln 50 da là
A mnrtorin li campani.
Ln me' bollnln (1) dill'oru,
La me' jcmma dill'anelln!
Piero ln me' cuotento!
Od Orà ln me' fratelln!
Nn la cbiesa di Tallann

BANDlTO,

bllrerll ~tlla 5l1rtlla,

o

, Dialetto deUa pie.e di Ghisoni.

Nan ci o'entria cumed eUu.
E ln più cb'co mi lamento

Eo burla che la me" ,"cci
Fusse tamaufe lu tonu (1),
Chi pudessi trapassà
La fore di Vizzavonu (2),
Per rani a tutti palesi
Le gran prO\'e di GaJtonu.
Tutti a lu Lucu (3) di Xazza,
Tutti s'erauu aduniti (4),
Con quella barbara razza
Li sullati e li banditi (5)
E la mani di bon'ora
Sonu subito partiti.

Edi"oi Signor Curatu ,
J

Perehè contrn a me' famiglia
Vi mustraste cusi iogratu:
In tre anni furou setti.
Che boi n'aite levatu,
Or li vogliu accnmpagnà
Finu a u pedi di li cbi~i ;
Mi ne vogliu riturnà

Lagrimaodu a occbi vassi.
Pe li me' cinque fratelli
Questi sO l'ultimi passi.
(i) Bott.ol0. bottoneino, et! ancne il paUino che si gio t3

aUe palle.

(l)'Tanto grande qaanto il tuono.
(2) Le gole dei monte, del bosco, si legge in Dante. Vîua.ona • el della montagna, che dhide il di qua da} là ,da~oDti.
"'ola
_
(3) Lucus, lat. Luco-di-N'a:ua, nome d'on villaggio sotto
Ghisoni.
(li) Radonati.

ai

(3) Che Jo tradivaDo. n saono delle zampogne (âa1a:m.betri)
~ra

il segno eoDTennto per l'aceisione dei bandito.

",



Sonu subitu partiti
A ln son di cialambetri;
Si 'tutti raduuiti
Li lnpi sopra l'agnetri :
Qnandn junsenu a l~ serra •
Ti toglionu i garganetri (1),
Qoandu nÏntesi la nova, "
M'a!faccai a lu purtetm (2)
E di i: chi noya c'e! È mortu lu to fratetru :
L'hanu tomhu (3) in du la sèrra;
K'banu faltu 10 macolm (4). Nun ti valse 1·archib'usciu,
Kun'ti .alse la scbiuppettà,
Nun ti ,-aIse-lu pugnali,
K nn li valse la tarIellta;
Kun ti yaJse îngermatnra (5),
. _.è nzioDe (6) binadelta.
 gnardà le to rerite
!.Ii s'accresci 10 dulori.
.Perchè più nUn mi rispondi?
Forse ti manca lu cori!

(1) Le canne della :;ob. Gargarozzo e gargouo, per-gorgom1e è nel Cavalea. e Del dialeuo romano.
(2) Porte110. 6r.estra pietota.
(3) Tombato. occise.
(41 MacellQ. (5) L'ineanlo che aveva; francese. e1l.tJ.r'fM;

latino. earmtn.

( 109 )

( lOS)

(6) Uo"o'r8zione in cui era inTolta la re-

liqoia a"un santo 0 altra eosa 5agra : appesa al tollo si erede. a

rendesse l'DOmo iuTulnerabile.

CaDi, cor di la snretra,
Tu cambiatn hai di culori.
Lu me' largn di spallera (1 )!
Lu me" minntn (2) di vita!
Come teni. DUO ci o"era;
, Parii ( 3) nna mazza fiurita,

Cani • ror di la SUrttra,
T'hann pri>atu di vita.
A. In paese di Xazza
~o

ci ,"ogliu piaDtà nn prunu ~
Perchè di la Dostra ralza
Un ci passi più nisunu :

Perché un funn ( 4 ) Ire nè quatlrn.
Ma setfomini contr'oou.
A ln pe' di slu (5) pullonu

Ci oglin piaolà ln me' leUu;
Parthi qui. ume' fratredronu ( 6) ,
Ti lironn a mezzn (i) pettu.
Bogliu leohe lu bunelm (8),
Bogliu arroi> scbioppu e stilettu,
Oh il mio largo delle spalle.
Snel1o.
Parevi un ramo fiooto.
Forono.
Appiè di questo poUone di castagno.
(6) Ont èdesinenza d,iminot.iva come oel Steeo e nel fr.o(~.
(j) Senza l'attieolo. Daote :In mezzo mai.
(8} Laseiar la gonDella.
.

(1)
(2)
(3)
(4)
PS)

( 110 )

]logliu cinghie la carchera (1) ,
Bogtiu cinghie la tarzetta :
Cani 7 cor di la suretra ,
llogliu là la to vindetta.

DEL COllO"I: DI PE.:..-rA 91 CASIXU,

La quale> da: ch'erasi, malgrado dei suoi genitori. spoSld<:
col $UO rapitore NI t>illaggio di Pruno tE Ampugnani ,
non !t~eapiù ri1:edutonessuno della sua famiglia.

Douro lleU« sartlla .!llallllalma,
~i)

La fascia che contiene i cart<leei delta poheTt, ere.gg~

CA~T.YOlSpaUNOIXNA5Z1ALCADAVE.~.·

la piS\ola e 10 s\ile.

NUD ti ne ricordi, o'Cecca (1),



Quandu in tempu di nilssioDe ( 2 )
Ti mandaimu a chiamà
A u cuoyentu a Sant'Antane,
Per bede la to faIDigli~ ,
E sfugatlî lu ta core '?
(t) Â.postrofe alla defllota > anzi 'Veramente pnbbliea iovet-

.-

tin. e stogo di lango dolote contro il marito di lei. Qnesto
,·ocero fa la 'fisita prima ed altima che rece Maddalena al cognato.
(2) ID oeeasione cbe doveano farsi lemissioni pubbticbe
nell'antieocoDvento di S. Antonio della Casabianca d'Ampu;~na.ni. il padre~ la madre e la sorella di Fraoceses le a'l'eano
mandato a dire th'eUa. toI pretesto di andsre aile missiooi~
salisse a n&rli a S. A.ntonio; ;iaeeh'essi a"eano sempre riensato di andare a visita rIa al Pruno: pare che Francesca Don
"fenisse per mantanla di abiti conrormi alla soa condizjone.•

( 113 )

( 112 )

Vidi una to pais~ma ,

,1

E mi mis~i a dumandà :
A.Tereste Tislu a Cecca

-

5'ella coll. per avà?
.!!Jor eUa mi rispose :
Un rorrà ln so m.ritu
Ch'eUa colli a Sant'Antone,
Perchè oon'ba hello ve,-titu.

Ch'no Twesle cnllà qui.
Era forse qualcbi Turca
Benola di Berlieria,
Che pe' a mi'; surella Cecca

Eo cuUô:ta un ci seria!
L'averia voIula Yede
Eo cu la so malalia ( 1).
La famiglia di Trincbeltu (2)

Or quand'eo 'ntesi cusi ,
Mi sentii crepà lu core,
E falai sempre pienghiendn

Tha trattatu CU;) ingannu j
E perfino m'banu dettu
Che tu portaya lu panou (3),
- Eo la 50 . la mio Signora.
Vi Iagnate d'u maritu;
Ma indèb (4) panoo indossu a Ceca

A Penla da Sant'Antone;
Dissi : e figliole di Tapo
Braman anco lu colore (1)!
o cogn.tu Jan-Fi li (2),
A"ete traUatu male :
Ci aTete mandatu a di
Alu son di le campane (3) :

Nun ci n'è andatu mai dim.
- E aneu m'è stalu deltu
Da una to paisana
Chi portavi lu capagau ( 5 ) ,
E ch'andaTi a la funlana.

Uno'3'fia che ta sorella :
-

V'a'feria mandato a di;
Ma, 5igoor3, ellu cridia

Qoest'on r aYiale da faoe.
Or scusale ( 4); ln marilu

(1) Chiamasi colore ogni speeie di panno ehe Don sia di lana corsa. cloé che.Don sia di qnello detta pamtolmto: quesu

panno nostrale dicesi: propriamentê panno. ad dialttlO.
(2) Yarito della de(cn!a..

(3) ~on en stalO àat!) ness.oQO "'......lso de:\1a n\tim,ll ma!a\.\i.
di Franeesea. a' suoi eOllgîooti della Penta.
(4) Ioterloqolsce. Dna eognata della deCllDla. sordJa di "Gio :
relie<,



(1) Avrei v&luto ndere~ provue se io Don l'avessi guarita4

(2) Soprannome d;1 saoœro della dertlDta.
(3) l'aJmolao••

(4) bul.Ht (da ùk!) particeJlaespleliv3: cb'ha torza d'.ilJter.
jezioDe atrermativa ~ iDterr~"ttiva 0 esclamariva; qoindi usara
sempre in prineipio di periodo come nel verso 10, pas. ïS; eqni.
Tale talvolra aU'utiea vote toseaDa, ornbè _ ttfJÙIt ~ a..ocor yin
in Corsica.
{';} CerciDe.

1114 }

( 115 )

Eo nun achiu mai cridutu
Di lrovalli le fallelte :
Mi vogliu ""và uua rota (1) ,
E indossu a ti ,'ogliu mette ;
Perchè qui a lu mio cummandu

Qrla ""viglia (1) Brandinchi
La vÎndianu a bon mercatu ;
Perchè trenta palmi addossn,
Cecca, li n'ha bucœlu (2).
Fidichialu achiu (3) la strada ,
Cuntemplalu achiu la via:



o

Crideria d'avenne sette.

Un ci vecu atraccà in locu
Cummar Anghiula-Maria (4);
Chi se c'era ella stamane

Or du.è lu 10 damasen,
E da.'; lu 10 \illutu?
Chi n'ha fattu u 10 marilu?

L ha impignatu, 0 l'ha vindutu 1
Manco in qoest'occasione
Addossu fi s'è viduln,
- Lu damascu unn'ê Tindntu,
E nun è mancu irnpignatu;

Questu deseu (5) l'affiuria,
A lu paese di Prunu

Eo DUn c'era stata mai.
Eranu que' li paesi
Chi parianu citai (6)?
Ma che ""se di pastori!
Qui nun ci ,.allogia ( 7) mai.

Perché pe' le 50 6gliole
Nu la ca..'Cia (2) este allu""ln,
- Insignatemi la cascia,
Quella di la viaacheria :
A me pare ch'rn sta casa
Ci ne sia la carestia.
Duve sO li 10 scu60tti ,
DaTe 50 li ""ppellini?
Questu è l'ouore che faci
Alla c<lSa Alihertioi?

(1) GOllDeUa.

(:l.)

(3) PiZZetto grosso e dozzinale ehe si andava ri'fendendQ}lei
. villaggi dai Erandinthi ossia merciai della pieve di Brando.
(2) Te ne ha messo j intende il marilO.
(3) Ho ben guardato: fitùghiart, rrequentali\'o dei Tefbo
..edtre earobiato il !' iniûale in f.
l4J Celebre voceratrict. en;ina carDaIe della defant3 e di
Jei.
(:5) Deseo pe.r tola .. perchë qui la tola eTa posata snldesée-:
eo' sttoi eaDti a'Vrebbe adornato. fiorito questa povéra tofa.
(6) Plurale di etUd.
(1) AUoggiare qni vale ricevere amiei. parenti. 0 forest.ierl
1

caSsa,

ad ospiz:io in casa.

1

( 116 )

Or sO qaesti li salotti?
Or 50 que' li curidori?

o Cecca, la mio sure1Ja,
Sona case di pastori.
A la paese di Pruna
Tu nUD ci hai arntn sorte ;
Ma chi f ha pnrtatu qui
Possa f. la mala morte.
- Ora dilemi , Signera {1} ,
Ch'en nan achia a trasgredi,
Un si chiamm. lIaddalè
La surella ch'este qui?
- Kon avele faltu errore (2)
Non padete tras,,"Tedi :
Eo 50 di li nomi antichi ,
E mi chiammanu eusi.
- Or anch'en l'achin sapnla,
R ne 50 ben inrurmala
ChOTo' sile dill'antichi,
Sile moltu accasalata (3);
Ma parlale un pocu megliu,
Ghiaccbi voi sitebennala.

(f.) La eognata della defonta. iDterrogando llDa donna che
le stan vicÎno.
(2) Risponde MaddaJena.
fi
.
(3) C4sale. ~ patrimonio: donna aecasalata J do.oD! dt
,
rieeopalrimon(o.

".

{ 117 }

1

- 0 yia rizzatevi in pedi ,
. Abate I"occhi, a mil> Tella:
Nun huJete falli mollu
.!. a 'fostr'unica surella?
Con qualunque v'incnnlrasle
1\un parlayate che d'alla.
Or via mzate\""i in pedi;
Alzale lu voslm capn :
Simmn junte pet falahi
A truvà ln yoslru yapu.

( 119 )

Este tamanta intrunata !

PER MARCELLO GRANSILJ·

o

• l!ORTO IX BA.UG"XA. ;

~omo

J,

Haiei fattu anen qnè (1
morte croda ed ingrala!
Di grazia, fate silenziu;

Dl Lom DE.LU PIETE DI XIOLO,

ll'ona rngina llrl lltfnnlo.
"

Ch'achin da ~alchi cosa.
En nun credu cbi la morte
Aehia fattu ail' arritrosa (2) :
Marcello da qui ad agostu

Ha da ricà la so sposa;
E allora i

,

Di grazia. férmati un pocu

50

parenti

Cun~nterà d' ogni

cosa ;

A J'omrti darà mandili,
E a noi trenne e curdelle (3);

J

Ed acchétati , 0 Fraore :

Lu carn di la cugina

CUDtentera Je engine,

Laseiatelu piengbie a me;

Li nipoti e le sorelle........
Or alzatemi le stride,
Cb'e'\e jnngann a le stelle :
Era mortn e seppeliitu,

Pereh"eo Ii le ,'ogliu di
Cum'elleli stann vè (1).

Lasciatelum.i chiamà
Piann piann a la suale (2
La morte di stn cogiou

J.

E un o'aviamu DIITelIe 1
Grande faterni ln ciecin ( 4~,
E majo lu caracolu (5);
Che questn è un helln peccatu ( 6 j,

Ë st.ata tamantu m.ale!

En forse ln più becchin
Tn di Lozzi 0 di r A"'l"aie (3)~
Lasciatelomi chiamà ;
Pereh'apposta 50 falata.

La morte di stu eugiDu
(l, Jkn..

(2} .A.i1a sone,soavemente

(3) "fiUag;Î.

ct) QaesLa.
(2) A. ritroso.
(3} TrÎneenaslri.
(4) Cieeio,cerchio.
(5) rina s~iedipantomiD,odi
baUo fa.nebre c.he fanno le dODne girando 3 sehîen intor6a ai
eadavere. e tacendo alti e gesti di dolore. don de il ,"ocabole
hallata.
(6) Peeeato. disgraria, la C2D5a ptr l'errl::t.lc. Mtb
fBGauimi;; comnDe :lnche aHa linga3 illiri.:a.

,

( 121 ) ,

( 120 )

E nnn è mortu in Nioln :

Uo ci lascia a lu rUCODe
Nè figliola nè figliolu :
D'una razza cusi grande
Ogbie ci n'è unu soIu.
Qnand'eliu cullava in piazza,
venia sotfu purteliu,

o

j

E d'intomn a ln fncone
Qui per elln un pienghie orfagnn (1).
Boglin pienghie ln !aleutn

Di Marcelln, e la 50 sorte;
Bogliu pienghie la 50 sposa,
Boglin pienghie la 50 morte.

,

S'elJu un mi chiamaya a nomme

Dicendn quesle parole,
Ln rore mi batte forle.

1
J

.!Ifi tfrava un cutaleliu (1 );
Poi trapuchia" (2) lu guadru
Speditu cum'un'aceliu,
E la morte pedanelia (3)
Nun ha fattu mancn pocu ;
Ha serata la 50 porta ,
Ed ha spentu lu 50 focn;
E passatu quakhi tempu
Nnn s'amminterà (4) più in loeu.
Or dicendn ste parole,

A me mi cresce Ju lagon.
È perduln u capilale ;

(1) Orfano.

..
i __

;

.

Nun ha lacatu guadagnn (5);
. (f-) Un sassolino j da cote.

(2) Trapassava l'angolodella casa. Trapoggiare nel dialetto
dei nostri montanari signifiea trapassare un poggio, come in

itajiaDO sidice tramonLare, parlandosi dei sole, per lrapassare
il monte.

(3) Vedila nota nO 7 a pa.g. 73.
(4) Amn:t.entare, rammeDtare, anri mentovare. (:ç) Prolt.

6

( 123 )

!l'EDICO;

Antico VOCe2"O d'~na compaesana t eugina deI dtfunto, 10 quale andando olla testa della scirata (t) ad assistere al
duolo. arril;ata mcino 0 un ponte, ineontro
quelli ehe porlat:ano il defun'to (2) nel $UO
tlillaggionatitlo. e eominciOab<ùlaiare.

(m:;)
Or binendu pe lu ponte
Appari una rumaccicila (3) :
E innanzi un c'era croce,
Manou prete cu la stola :
(i) SetTata. come a dire sehierala. ehiamas(nna. sebiera
di donne ehe \"a a piangere an mOrt(). La poetessa va sempreaUa
tesla della seirala.
(2) Matteo eramorto in an ,iUaggio molto distante dal 500.
{S} Un oggelto biancbiccio indisliolo che ln !ontanaoza e
per noa strada macehiosa p:ue nebbia 0 fumo. La dOWl3 ineomineia il canto al vedere i1lenzllolo bianeo dena ·bara. Qneste TedaLe impro'fise fanno eontrasto ed imagine, ed ispiraDO
talvolta alle donne le ballate più pittoresebe e drammatiche :
laI è il prinei{lio d'un vocero di Tallano:
La tojente l'aspeltaYa
~ll-al1egra a ln -çalconll,
Qllandn bide lu caval1u
SeDza ln sopra l'arcona
Cu la sella sanguio0S3.,
E le vriglie slraseinonn..

,

Sulamente avia ligata
Di mandile ( 1 ) la so gola.
Bicasando di salntare il convoglio funebre, nè volendo porger
la mano a nessuno in ~"1l0 d'omicÎzia. soggîaDge :

Ispuniteci a illatteju,
Che li tcicchimu la manu:
Di-quesfaltri un ne bulemu;
Chi nun sonu a lu so paru (2).
o lIatt., lu me· culombu,
Thann tombu a Cranca manu.
irriltu (3), u nostru Matteju;
Dicci almenu lu to male:
Nun è slata micca Crebe,

{i} Per serbare al dcfunto la compostezza della ûsonomia,
:;li si stringe nna pezzuol3. 0 un nastro salto la goIa, e gli si
annoda in teSla sotto il berreLlino. l\!andile. pezzaola. da mmttile • Jatinimlo. comune anche al greeo moderno.
(2) l\·cm sono pari suoi. 0 degni di stare con lui. e iDtende
i compaesani deI querelato, i qll8li da! loro Tillaggio, ov'era
mort.O Matteo. accompagDa,'ano il SUD cadnere al soo villag·
gio oativo.
(3) Rilta.tU. La donna dice al defunlo tlia, sto su, quasi
egti dormisse 0 fosse ~·ennto. Cosi in aHro·vocero per un Gio :
Domenico d'Arbori si legge :

Oual e cbi la metterà

.... A ,-à la la nome in pede?
FraDl'escu fa t.O eugina.
Ch'a grayida lamng\iere?
Irritta.. Javau Dnmmè;
Ta DllD hai Jascialo erede. »

( 124 )

( 125 )

Nè puntn:ra calarrale.
Sonu sloti li Nigretti ,
E l'infamu di _'atale.
À và si eh'era ln tempu
D'armà penna e timparinu,
E se un baslo taliauu ,
Serive francese e latinu ( 1).
Tu pudii cullacci (2) a Sorru
À ra u medieu a Caipu !

Carcavanu li purtelli ( 1).
Oh l'infamu di Natale!
Più ch'un cane elrera tristu,
Chi trlldUu 50 duttore ,
Cnme Juda tradi a Cristu :
Sopra u sa ~oue , ln latru ,
Si eridia di facci acquistu :
Ma lu saugue di Matteju
Inbindécu ( 2 ) un pô passà.
L'avete tomba innucente;
Lu dU\~ale laseià stà (3).
Se un bidissi la bindetta,
Mi burria sbattizzà.

{io'a)tra cuginadet defentovenendo all'incontro in~rloqnisee:

Quandu pensu a '! me' enginu
Sento. cripà lu tarrenu;
Quand'e' pensu a la so morte,
Mi sentujunghie lu tremu (3).
Animu, i me' paesani,
Chi ho' un bi bingbite menu.
Era questu lu colombu
In mel'u a quattru fratelli ;
Era cereu da' frusten
Carn di li puvareUi.
Quandu falava in paese (4),

(Ripiglia la prima giaTine) ;

Or lu sangue di Matteju
Sorà prestu bindicatu.
. Qui ei sO li so fratel!i ,
1 eugioi e III cU:><7tlatu ;

E se questi un bastaranu
Ci serà l'imparentatn ( 4).
~eotre il CCDl"oglio

fa:nebre aUra'ferss: on 'fillaggio di qne.i di
Soro in sn, nn abit:antedellnogo offre a tutti ana piceola
reJeZione; ma la douna ripiglia :

Ci) Pare che il morto fosse gio\'ine di colto ingegno e sapes~
se ben maneggiare ta penna.
(2) Polem salire. Sono, piccolo monte, ollre il quale era
il vÜlaggio deI preteso occisore. Par che qoesti fosse stato gua-

rilo d'ona malattia dal def!1Dto.
(3) TI L.-emito dei dolore 0 dell'ira.
('). Net 50.0 Yillaggio.

Or da voi da Sorru (5) in su

,

(1) Carieare iD senso neutro: le finestre si earieavan;'di
aa ammirarlo. (2) Inrendieato. (3) Laseiare s(are·
(4) Il parenlado.
(5J Qa.esto monte è lont.ano dal iiflaggio nativo dei deCnnto.
Al di sopra di Sorro son situatia varie distanzedifersi vil1aggen~

( 126 )

t;n buJemu lu cuofortn (1 );
Xoi ,,'a\'emu rigaJatu ;
.Roi ci alete falfu tortu.
U v'ayemu data ,-jvu,
E ln ci rendite mortn.
Or magnate n l'ostrn pane,
E büte u 'fostru -rion ;
~oi di questu un oe bulemu,
4 M. di lu bostru sanguinu (2),
In bindelta di lu nostro ,
Che l'aremu a lu strascinu.
Unn'è què lu paesacciu,
Che tioia Ju me' cuginu'?
Ch'eUn ci scappi ln fncu
E nun ci abiti più nimu;



( 127 )

M.ttejn un bole bindetta ;
Chè sta in cela c'u Signore.
Or guard.teI. sta bar. ;
Mirate , sorelle care,
Ci sta sopr. Jesit Cristu,
Cbi c'insegu•• pardunane :
Un spiguite (1) li Tostri ami;
A bastanza è torbu n mare;
Perch"avale emu d'avè,
E po' .ui.mu da' dane.

j
j

l;oa Teccbia.



Acchitatevi. 0 sureDe,
li finite stn rumore :
.gi, rra. i ~i quello ov'aecadde l'omieïdio: ma l"improTisalrice totJSiunge e confonde cel soo riseD
Dto tutti gli abitanti di quei lillaggi da Sorro in su. bencb'assai lontani da

qnello dell'aceusato.

n

(t)
pranzo (aoebre. che qui en una sempliee merenda •
dicesi il conforta e in alroui altri paesi den'isola il rïmedio.
Da simili nsanze deriva Corse il bisticeio siciliano ogni pena
in potte 'orna.
(2) Xe} dialello. sanauino è soS1aotiTO eTaIe raua. paren·

13do : qv.i peril la credo aggeuivo : vino saogttigno 0 color di
sangue. Yogliamo di quel t'ino sanguigno simüe a gtltllo
~ete (alto tersar tWi, e ch"ë qui spGrso e strascinato.

(1) ~on .spiDgete, non aizzate î vostri uomini; perchè ora
SÎamo in credita colla giusti2ia, e dîpoi saremm~ in debito.

ch~a­

( 129 )

IN MORTE DEL PIEVANO SANTUCCI
DEL PETR1CAGGlO :0' ALESA.~I.

Quandu o'intesi la nOva
A la Ferera d'Orezza,
Mi sentii pnnghie ln core
Da un acuta e cruda frezza :
Quasi ch'eo nun l'eoni menu
Di dulore e tenerezza,
D surelle) or nun SlDtite
La nutizia ochie chi core?
,
Diœau : è mortu Santucci,
Omu di tantu valore.. ,.
~o , Santuooi Dun è mortn ;
Eo m'ingannu e facciu errore :
N'un s'è piattata la luna,
NtID s'è scuratu lu sole;
Le stelle in lu 50 viaghin
Haou tutte n so culore.
Oh lu mio duttor di legge,
Duttore di medicina,

Duttnre. per peveromi
Senza mai piglia quatt-rina!
Qua!'è chi nun pienghierà
Ochie tamanta ruina ~
Pienghimmu la vostra morte;
Pienghimmu lu nostru male~:
Istamane in Alesani
Vecu (1) più d'un funerale;
Ch'un duttore (2) cume questu .
Nun ci arriva per avale.
Ci daranu uu preterelln,
Chi sarà sc"rtu ( 3) e yillanu,
E la casa di Messé (4)
Guardaremmu da luotanu,
Cio cbe noi dayamu ad elln
Ci turnaTa a cascà in manu.
Oç quantu cbi ci s'indaya (5),
Quanta chi ci cumparia
La dumeniea ail' altare
Ch'u Vangelu ci spunia!
Lu sapea tuttu all'ammente ( ),
Cum"eo 50 l'aremmaria.
(1) Pretedo che "i sarà pi~&oQ.tanetale.
(2) li $antoeei era baoD mediëO::: _
(3) Scortu da corto. brusco. l'otto ai modi; ediciamo anche di eQrte vogUe.
e4) lIessere. tÎtolo che si dA al carato.
(:i) Gii s'additeva, gU stan bene.
(G) A. mente.

6'

( 130 )

Quanti mai ci o'ê arrivatu
Da Ticiou e da Inntana
Tntti a dimandane informi ( 1 )
Qui da "foi Signor Piuvann 1
Ma risposta Dun li date,
E scuntenti si ne vann.
Oh qnantn pO pienghie Orezza
Cn la pieTe d'Alesani ;
Perchè mortu este Santucei,
Fatatu cu le 50 mani !
Quai' è chi le sanerà
L'os...;e di li eristiani!
Quanti mai ci ne venia
Tutti cun rosse scasate (2)!
Ii Piurann le aecuneiaY3
Cu le sn mani fatate ,
Ma lu più chi mi dispiace
Chi stamaoe 50 ligate.
Un sentite le campane
Curne sonanu a pietà ?
Par che r aghianu capita
La oostra neœssità :
Par che boglianu ra pro"a
Di fallu risuseità,
Stamane in la nostra chiesa
(7) Informazioni.

(2) Siogate,da $casare ascirdi tu&-

go : eosi anche nel dialettosiciliano.

( 131 )

È scaTatn u paTimentn (1) .. ,
QuaI'è chi m'assisterà

Xel mi" u1timu mumentn?
Chi nelfora d'a mi" morte
Eo cridia d'aTebi accantn.
(f) Pertbè il def'anto. essendo stato pievano, dOtera es..'=ere
seppellito iD ehiesa..

1

.'

1
,

1
i

·1

f 133
Hm

Sïmpusti> nu prnniccione( 1)
Cnnsigliatu dai Mastini (2);
Quandu poi li venne a pare (3).
U tiri> e.ln fé casoare.
Titi> a fermu ( 4) lu 50 colpu
Lu famosn Jatrnnehinu,
Chi lu ebiamanu Chiucchinu,
Di pistoia • 0 fusse scbioppn;
U pas.;O lu core in ~ttn ,
Cnme fusse di stilettn.
Cappatu, cnme un Leo'"l,
Bench'avesse ana ferita,
Si lampô sopra Tangone,
Chi gli dimandi> la vila •
E mnstra.a pentimentu
Per tnmballn a ttadimentu.
.lvà lu cnppioln (5) é mortu:
Ma lascii> PauJu in vita
Chi sarà Primu Eremila (6), •

iViORT~

DI CES.AR.IO E DI CAPPATO.
(;ru~~,Ghi~p~,M~,
Sanfusimu Sacramentu ,
Ora tutti in cnmpagnia
.ljuhte stn lamentu (1 ) ,
Chi da ~r tntturisoni
La morte di dui campioni,
Or girate ln cantooe ,
E gïrate u circundarin ,
Chi sia simile a Cesariu
])inn truvate nna ~rsone (2),
"[nn ch'abhia a 50 presenza
La 50 lingua , e la 50 scienza.
• Ln latrone di Martioi,
Lu figliolu di Passione (3)
(1} Questo vocero ~ cbe corre peY' le boeebe deI popolo. è
apocriro, perché dettato, sotto nome di donna. da on frate
aDooimo, amico di Cesario; e parve 00 canto d'oecello dieatttYo aagnrio. pOÎcbé 00 certo Paolo. parente degti nccisi. li
"endieO; andll poscÎa alla maeehia, e dopo ner falta pet altOni anni ta nta dei bandito', cadde in mano dell,a giostizia.
(2) Si dice oel dialetto dei luogo per$ooe per perSOM Del
(3) SopraDDome.

numero siDgoJare.

)

(t)

Pronajo.

(2) La parola mastitlo apIllieati alI'oomo signifiea furbo e
feroœ; qui pero ~ sopraoDome' dei nemiGi. cosi batt.enati
dalYodio dei toro anersarii.
(3) GU YellDe

a paco. a Hvetlo.

(4) A. ftrlllo. perché l'uomo era a terra ferito.
(~) La coppia.
(6) Con questa antifrasi 0 metafora ironiea • allnsiva a San
Paolo primo eremit8. il l"eferendo anonimo parlô propriamen·
. le da proreta. poieb'indi a poco Paolo-torto diTenne il primo
rra' eapi-banditi dei SIlO tempo.


( 134 )

E si chiama Pauln~tortu;
S' eUu prende la campagna,
Qualchi pochi si ne lagna.
Or lasciate ch'a campagna

!tORTO IX

BAU.G~.-\,

1l0Cl'rO ~ltna llonna lli lliolo.

Sia seuperta e seDza nete:

Sarà male per la pieye
Dalla piaghia alla muntagna j
Chi lu male è cnffiU u foeu,

(1740 )

Chi si sperghie in.agni locu.
Si ne more una duzena
D'i più ricchi e principali

È ralalulu fiadone (1 ) ,
Ed è ghiunta la curlina (2) ;
Perchèd (3) cllu m'aYia deltu
Ch' eo saria la so madrina....

Di Cesariu li stivali
Sonn yiodicati appena;

E lu poyeru Cappatu
Mancu resta Tindicatu.
Qui finiscu u mia lamentu ,
E nun dieu più niente.
Guai, guai a quella jente

Chi ci rnssinu a cuosentu ( 1 ) 1
State in guardia, se-pudetej
Altrimenti canta u prete.
(1) Ch'avesse.ro ace:onseutilO aU·omieidio.

Or chi mai r avria criduta
Ochie tamanta ruina?

Ridi ( 4) pum a lu pnrtellu ,

--------------:---.
(f) Torta di ricotta. aV<!, fiar di rarina e zoccbero,cosJ delta:

eibo molto dolce; dall'3nli.co losuno fitliWne. fa'fo

(2) Ccrtina qni è torse errore lDTeee di coltTina ehe 'Yale
eoltrieina. In ~iolo e in qualehe altra pien la madrina, seeon·
do il costume, rega13n una ricC8 coltrice da coprire il letto
deI prete che dieera la prima messa: regalara ancora il fiado·
ne 0 altra COS! da mangiarej e dGpo la messa si rareya il banebetlG come negli sposalizj e ne' runernli.
(3) Ptrehed ~anzi a ,·ocale inveee dipuchè,. cosi abbiam
vedoto eomed e ad 'fOCaliyo.
(4) La donna, yedendo nella 60estra della casa di rimpelto
il neJÙico dei dernnto che ride deI vocero, gl'îndirizza questa
pet esser

di miele.

( 136 )

E po' nun purtà più fretu ( ln;
Passa puru per la Costa,
E per Muru e Felicetu (2):
Ma ln saogue di Larioue
T:ha da esse tantu acetu.
Eju nn gottn d'u 50 sangne
Mi lu vogliu mette in senu ;
Ind' u paese di Muru
Ci ogliu sparghie lu relenu.
Un sangne eusi ghientile
Si l'ha hetu ( 3) lu terenu.
Oh ln mio graude di spirdu ( 4)
Lu miô hellu di persone ( 5) !
Oh lu mio attu aile poste !
Oh lu mio forte leone !
L'ete tombu a tradimentu
Lu mio carn Larione.
stTofa. Talvolta qneste 0 aItre simili eantilene destano neU'oeeulto omieida tal rimorso e !.errore che pero quest.e loro visibile erretto·si leggono citate come plOn di reitâ. oeHe pt::O(";eSSQre
iminali; rra gU aJtri Ti si legge il easo d'un omicidiario. il
«ua:le eoperto di cappnceio e di cappa ad DOO di qaes1i mQ.I'Ur
rü. ntt!radirc le împrecazioni dOnna voeeratrice fa preso da
on taJ tremito che gli cadde di mana la candela e l'o.l1izio dei

morti.
(1) ~on :1ver pià rr:eddo. cioé paura.
(2) ViUassi di Balagna limitrofi.
(3) :BeVOlO.
(4) Sptrito j cos} anche nel dialetto sieiliano.

. (~) Fe""••,

D'UNA GIOVINETTA
Per una sua.amica coetanea , morta neœetà
di quattoràici an1\.i.

( Dialetto di Vico. )
)



j

r

Questa mane a me' cump300na
È fora tutta impumpata ( 1) :
Forse lu bapu e la m.mma
N'hanu fatm nua spusata (2 );
Bole andà da ln maritu ,
Bd è pronta • preparata?
Un si sentenu che gridi :
È adunitu lu canton.:

SOIia mesta la campana;
Ghiunghie croce e cunfalone ( 3 ).

(i) Si serba neÎ villaggi di Corsica l'antiehissimo costume.
mentovato sovente Delle tragedie greehe. d'eSporre j morli 11)
piazza innanzi alla porta d'ingresso della casa.
(2) Sposa.
(3) n gonfalone della eontraternita the "ieM in proeessio-

( 138 )

Ahimè! quantu è diversa
Da quell'altra sta fnnzione.
La me' cnmpagnola parte ,
Per aodassine Inntanu
.À. trûvà li nostri antichi ,
Ume' bapn e ln PinTanu,
Doyé """"unu ha da sta sempre ,
E si va di manu in manu.
Gbiacchè bo' bnlete parte,
E·mutà paese e c1ima,
Renchè ayà sia troppn prestu,
Chè nun érate a la cima ( 1) ,
Ascoltate un tantioellu
La "ostra arnica di prima.
Bugliu fà uua littarella
Prestu, e la Yi bogliu dà;
Nè ci mettu micca lacea (2);
Chè mi ue possu fidà :
La darete a lu me' bapu
ne a levare il eada,ere. ID a1tro votero per ~D DomeniooFran·
cesco di Guagno, ueelso da l1D rulmine, sî legs:e qnesta strora:
» 0 Dnmenieu Franeè.
J)

Piglia sûteltu.esebiuppetla •

» E: para la eanfalnne
» A.ll'affaeeà di la stretta. »
.Hfa{faecà di la. streUa yale quando il gORfalorte spunla
a1l'usei'a dtl 6icolo.
(i) Xon eta:vate gianta ancora alla eima. nIe: Don eravate

aoeorà grande.

(2) Cera JaCta.

( 139 )

1

j

..,

.

1

Appena ghiunta culà.
E po' a hocca li darete
Le nove di la famiglia •
Ch'ellu lascia picculclla
Pianghiendu intorno a la-ziglia ( 1) :
Li direte che sta bene,
Ch'è ingrandata e si ripiglia;
Che la 50 prima figliola
Ha gbià presu lu maritn,
E n'ha autu ghià un ziteHu,
Che pare un gigliu fiuritu;;"
Che cuonsee lu 50 bapu,
E lu mnstra eu lu ditu;
Ch'ellu porta lu 50 nome,
Nome pcr me cusi bellu,
E cb'ha tutte le 50 forme,
RencM sia cusi xitellu :
Qnelli ch'hann vistu a bapu (2)
Ricunoseenu anche ( 3) ad ellu.

(1) ZigUa"dal t05(;aoo teglia 0 tegota 0 dal Crancese tuile 0
dal tedeseo sigel. terra eatta; eosi ehiamasi nell'interna dell'isola il foeolajo. percbè formato d'argiIla impastata che s'assoda al fuoco entro una cassa qnadra j ed ê "anlico fotolare
itallano: sm in meno aUa sala sotta il gracajo.
(2 e 3.),l1teTZO inveee dei quarto easo dei pronome ellt( e del
nome bapn: cosi anche nel ma!eHa sici.liano,col quale allbiam
comuni moIte parolee îoflessioni 0 modi grammaticali cbe 0(eottOnO qua e là in qoesli canti j ca$cia pe!' cassa. fTisteri, 0

r

( 140 ) •

Diciarete a ziu Piuvanu
Che u 50 populu sta bene,
Dopu l'aequa ch'ellu junse (1)
Cuu tante fatiche e pene,
E che ognunu lu suspira
E sempre si ne suviene.
Quandu no' ghinnghiemn in ehiesa;
Ci bultemu a quellu cantu
Duve Dai 3'femu messu
L'ornn eh'ha ghiuvatiI bntu;
Ci crepa lu core in pettu,
Abbonda. ail'occhi lu piantu.
Ecou junghie (2) lu euratu;

.

\\

141 )
Bi dà l'acqna binadetta ;
È lu mondu tutt'in cesta ( 1 ).. ,
AJtri vi piglianu in fretta...
Cara, anaatevine in celu :
U Signore vi ci aspetta.

'---------------



frusteri pel' farestieri. spadru'tlatu. stn:a pa4rcm.e, timu •
.ehe qtli nIe p~o 0 orfQno e in Sicilia ca.ttÎf)o. ri pel' sei
nrbo. un pe!' flO~. eu pet io. to e $0 pel' tuo..esuo • mia e lia
Ilel \"ern~olo di q'l'lthe pieTe deI di là da' Monti pet me e te.
su. queuu 0 guissu, eMsn: pet colesta .l'u sostituito all'o $()-o
'te.Dte in mezzo e sernpre in fine della parota: è proprio -parimenti de' due dialetti Ueambiare. come vediamo in questo ea50. in dativi gli aceasaLivi di Domi proprii 0 di pron,omi retti
da aD verbo attiro. e nel ài là-ôa' Moriti il sostiluire ri aH'e
neUe desiDenze dei nomi. nrbi ed anerbü. e nelyluraJe dei
UOOli maseolini l'a neutrodei laûni aU'1 italiano. comepreta»
fiora. jorna-. pet preti. fihri. giorni. etc.
(1) Simone Derranchi... Pienno.di Soccia, avea fatto coodatFe a sac spese fin dalla montagna l'aeqna d'un filIme, la qaa.le rese f#!rtile ~I tertitorio di questa parroeehia pet l~inDaDzi
5eeCO e ~rile.
....
{2} 'n-opo faegaacb'e' giDnse,. ossia cb'egli (il Pievuo) feee
~-.t villdggio, e in questo senso giungert ~ è lJ1lÎ Teroo
ll;(ti'ftS,.

..

\.

-i

(t) Tatta la gente è in eapeJ!i all'arri'fo dei enrato. Cesta
nel dialeUO di Vieo e d'alcane altre pien. transmontane ,tale
eapellatara, Corse da eesto, eespo, eome dicesi ciocea J un
mncchieuo di fiori e fogUe 0 di eapem; anche iD franee..'e fa
parala touffe ha Q!:lesla doppia signifiGa2ione.

l

--

;:1 ',;"/XaftfM
-" 1 "

, .._ _L.:..:..._---'


-=--

.....r.u.......

UI_~

........_ _,;.",;

__

Item Relations

This item has no relations.